La Xylella è arrivata in Francia. Trovata su una pianta di caffè

ROMA - La xylella è arrivata in Francia. Come
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

XylellaROMA – La xylella è arrivata in Francia. Come spiega una nota del ministero dell’Agricoltura, dell’agroalimentare e delle foreste francese, il batterio che sta mettendo a rischio le piantagioni di ulivi pugliesi è stato rinvenuto su una pianta di caffè in vendita in un negozio di piante di Rungis, piccolo comune nella Valle della Marna, regione dell’Ile-de-France. La pianta – spiega la nota d’Oltralpe – verosimilmente originaria dell’America centrale, è stata introdotta nell’Unione europea passando dai Paesi Bassi.

 

Un’indagine è in corso per determinare l’origine esatta della pianta di caffè contagiata dal batterio della Xylella fastidiosa, prosegue la nota del ministero dell’Agricoltura, dell’agroalimentare e delle foreste francese. Applicando le misure decise lo scorso 4 aprile, prosegue la nota, misure che hanno portato allo stop dell’import dei prodotti vegetali pugliesi, saranno messe in campo “misure complementari relative alle altre specie vegetali sensibili che possano essere state esposte al rischio di contaminazione”. L’individuazione della pianta di caffè contaminata dalla Xylella, concludono dal ministero dell’Agricoltura, dell’agroalimentare e delle foreste francese, “giustifica pienamente le misure di prevenzione e di protezione prese dal ministro”, Stephane Le Foll.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»