Sollicciano Prison blues, la Notte bianca di Firenze si apre in carcere ricordando Johnny Cash

FIRENZE - La Notte bianca di Firenze, in
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

johnny cashFIRENZE – La Notte bianca di Firenze, in programma il 30 aprile, si aprirà ufficialmente nel carcere di Sollicciano che ospiterà il rifacimento del mitico concerto che Johnny Cash, “The Man in Black”, tenne nel 1968 nel carcere di Folsom: il cantante, che aveva passato in cella un periodo della sua vita, volle omaggiare i detenuti con una performance poi divenuta leggendaria.

 

Se il tema dell’edizione 2015- dal titolo “Black Night”- è la musica, l’evento, fanno sapere gli organizzatori, “non poteva aprirsi diversamente. Il ruolo che in passato era stato affidato alla “lectio magistralis” di un pensatore sarà affidato alla potenza delle chitarre.

Sollicciano Prison Blues, spiegano ancora gli organizzatori, “intende unire detenuti e cittadini in un momento di svago e sensibilizzare ancor di più l’opinione pubblica sulle tante questioni relative alla vita in carcere. Sollicciano come luogo attivo della città, questo il messaggio che la Notte Bianca vuol lanciare”. Sul palco insieme ai detenuti che seguono corsi di musica ci sarà il cantautore Massimiliano Larocca, l’americano di Rifredi, che vanta numerosi album all’attivo e le prestigiose collaborazioni con Massimo Bubola e Hugo Race. Ad accompagnarlo ci saranno i romagnoli Sacri Cuori, anche loro fortemente orientati su sonorità roots, e come Larocca non nuovi a progetti a sfondo sociale.

di Diego Giorgi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»