Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bernaudo: “Gualtieri candidato a Roma? Continua il sistema Raggi”

andrea bernaudo
Il presidente del 'Movimento Liberisti Italiani' e candidato sindaco: "L’ex ministro Gualtieri è proprio un alfiere del sistema statalista, è il fautore del 'Più Stato'"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “A Roma serve un cambiamento radicale del modulo amministrativo. Roma Capitale rappresenta il fallimento della gestione pubblica dei servizi e del mito dello Stato e del Comune-imprenditore. L’ex ministro Gualtieri è invece proprio un alfiere del sistema statalista, è il fautore del ‘Più Stato!’. Per cui, nessuna novità, egli è in linea e in continuità con la Raggi”. Lo afferma Andrea Bernaudo, presidente del ‘Movimento Liberisti Italiani’ e candidato sindaco a Roma. “Vedremo se il centrodestra avrà il coraggio di contrapporre un candidato sindaco e un programma liberale, che chiuda la gestione pubblica dei servizi, le sue municipalizzate decotte e che dichiari fallito il Comune-imprenditore. Noi su questo ci siamo e siamo pronti al dialogo. A Roma vanno fatte le gare, la politica deve uscire dalla gestione dei servizi. Per cambiare serve coraggio e al momento noi Liberisti Italiani siamo gli unici che vogliono voltare pagina e hanno detto con chiarezza come fare”, conclude Bernaudo.

LEGGI ANCHE: Gualtieri scioglierà la riserva tra poche ore: sarà candidato sindaco di Roma

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»