Sardegna, petizioni online: “Solinas blocchi gli arrivi per le seconde case”

controlli sardegna aeroporto porti covid
I sardi si mobilitano sul portale Change.org contro l'ipotesi di un assalto all'isola da altre regioni per le festività pasquali, dopo il via libera del governo ai trasferimenti nelle case di vacanza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – I sardi si mobilitano attraverso il web contro l’ipotesi di un “assalto” all’isola da altre Regioni per le festività pasquali, dopo il via libera del governo ai trasferimenti nelle seconde case anche dalle zone rosse. Dopo le prese di posizione di vari esponenti della politica isolana, in queste ore sono state lanciate due petizioni sul portale Change.org.

“La possibilità che dalle zone rosse italiane si possa venire in Sardegna, attualmente zona bianca, rappresenta un paradosso e un rischio per la salute di tutti i sardi– si legge nella prima petizione-. L’esperienza dell’estate scorsa dovrebbe aver insegnato qualcosa ma pare non sia così. La Valle d’Aosta ha emesso un’ordinanza restrittiva, consentita dallo stesso dpcm di Draghi, con cui si bloccano gli arrivi verso le seconde case non motivati e giustificati”. Il presidente Christian Solinas “abbandoni la subalternità alla Lega e, nell’interesse dei sardi, emetta subito un’ordinanza che blocchi gli arrivi di non residenti senza giustificato motivo o necessità e autorizzi solo i ricongiungimenti parentali”.

Dello stesso tenore il contenuto della seconda petizione: “Ci siamo guadagnati con molta fatica la Sardegna in zona bianca, comportandoci in modo esemplare e rispettando le regole- si legge-. Solo noi cittadini sardi, uniti, possiamo ribellarci e dire ‘no’ alle vacanze degli italiani che vengono da zone rosse, nelle seconde case dell’isola. Dobbiamo tutelarci, ribellarci e non farci affossare dall’ennesima decisione presa da un governo che pensa solo ai propri interessi”.

LEGGI ANCHE: Covid, da Consiglio di Stato ok tamponi per chi arriva in Sardegna

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»