Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Vaccino AstraZeneca, Rezza: “Numero episodi avversi inferiore ad atteso”

"La priorità numero uno è vaccinare più persone possibile", ha detto il direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il numero osservato di episodi avversi di quel tipo, cioè di fenomeni tromboembolici, sembra essere addirittura inferiore all’atteso“. Lo ha detto il direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, intervenend a ‘Sette Storie‘ in onda su Rai1. “Purtroppo ci sono stati degli episodi- ha proseguito Rezza- che in qualche modo hanno scosso l’opinione pubblica e evidentemente alcuni Paesi europei, come la Germania, hanno voluto ‘vedere bene’ sospendendo temporaneamente l’utilizzo di questo vaccino”.

Intanto secondo Rezza è “chiaro che la priorità numero uno è vaccinare più persone possibile– ha aggiunto- e nel più breve tempo possibile. Abbiamo visto che in Inghilterra facendo così sono scesi da decine di migliaia di casi a sole 5mila nuove infezioni alla settimana, quindi la campagna di vaccinazione sta funzionando alla grande. In Inghilterra– ha ricordato- sono state vaccinate 10 milioni di persone con AstraZeneca e altrettante con Pfizer“.

Accelerare la campagna di vaccinazione, ha infine concluso, è anche “l’intenzione degli altri Paesi europei”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»