fbpx

Tg Lazio, edizione del 16 marzo 2020

CORONAVIRUS, APERTO NEL LAZIO IL ‘COLUMBUS COVID 2 HOSPITAL’

E’ entrato in servizio questa mattina il ‘Columbus Covid 2 Hospital’, l’ospedale realizzato a tempo di record dalla Fondazione Policlinico Gemelli, che dovrà assistere i pazienti affetti o i casi sospetti di Covid-19. La strutturà potrà disporre di 21 posti letto di terapia intensiva e 32 nei reparti di pneumologia, malattie infettive e medicina interna. La completa apertura prevede 59 letti in rianimazione e altri 74 in stanze singole. “E’ una risposta eccezionale, in una settimana e’ stato allestito questo ospedale- ha detto l’assessore regionale alla Sanita’, Alessio D’Amato- Ringrazio il policlinico Gemelli e tutti i suoi operatori”.

A SPALLANZANI 151 CASI POSITIVI, 18 CON SUPPORTO RESPIRATORIO

Sono 151 i pazienti positivi al Covid 19 ricoverati all’Istituto Spallanzani di Roma. Di questi, 18 pazienti necessitano di supporto respiratorio e 2 sono in osservazione. Nel consueto bollettino medico, l’ospedale romano ha fatto sapere inoltre che ammontano a 322 i pazienti dimessi. Intanto ieri notte tre persone sono morte tra Tivoli e il Policlinico Umberto I di Roma. Si tratta di due uomini di 80 e 64 anni e una donna di 81 anni, tutti con patologie multiple preesistenti.

REGIONE LAZIO: POSSIBILE RIAPERTURA FORLANINI È TRISTE FAKE NEWS

La possibile riapertura del Forlanini è una fake news. A mettere la parola fine all’invocata riattivazione dell’ospedale romano dismesso da anni, è stata la Regione Lazio che, con una nota, ha replicato alle richieste arrivate da esponenti del centrodestra e della Giunta Raggi: “Si tratta di una struttura degradata, fatiscente, che in molte aree sta cadendo a pezzi. Creare un reparto attrezzato in pochi giorni, per curare malati gravi, in una struttura che cade a pezzi e da ristrutturare da cima a fondo e’ da folli. Chi porta avanti questa campagna ha una grave responsabilità, produce frustrazione quando avremmo tutti bisogno di speranza”.

MORTO MASSIMO RUGGERI, VOLTO DELLA ‘SIGNORA IN GIALLOROSSO’

Addio a Massimo Ruggeri. Per tutti, ‘il signore in giallorosso’ E’ venuto a mancare nella notte il volto storico della tv romana e romanista, da sempre conduttore della trasmissione ‘La Signora in Giallorosso’ su Teleroma56. A stroncarlo, all’età di 69 anni, un infarto. Alla sua famiglia le condoglianze di tutto il mondo dello sport, delle emittenti locali, e anche della AS Roma, che lo ha ricordato con un tweet: ‘Un Signore in Giallorosso. Ciao Massimo’.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

16 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»