I lavoratori part time della Fiera di Bologna protestano: “Fate qualcosa di sinistra”

Sono tornati in piazza dopo che il fantasma delle esternalizzazioni, scacciato l'estate scorsa, è tornato ad aleggiare sul quartiere
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Fischietti, tamburi. Persino una grattugia. I lavoratori part-time della Fiera di Bologna sono tornati a fare rumore.

Una cinquantina di persone questa mattina si è data appuntamento di fronte alla sede della Città metropolitana, dov’è in corso un incontro tra sindacati, expo e Comune per trovare un accordo in extremis che scongiuri lo sciopero di domani in occasione dell’apertura di Cosmoprof.

“Merola, Bonaccini, fate qualcosa di sinistra”, gridano i lavoratori, tornati in piazza dopo che il fantasma delle esternalizzazioni, scacciato l’estate scorsa, è tornato ad aleggiare sul quartiere.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»