Merola: “Dati non confortanti, l’Emilia-Romagna verso la zona arancione”

virginio merola sindaco bologna
Il sindaco di Bologna prevede un aumento delle restrizioni e si appella alle istituzioni: "Sarebbe opportuno comunicare in tempo i provvedimenti ed evitare il dibattito dopo che sono stati approvati"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Il sindaco di Bologna, Virginio Merola, teme che l’andamento della pandemia stia di nuovo spingendo l’Emilia-Romagna in zona arancione. “I dati non sono confortanti”, afferma il primo cittadino oggi ai microfoni di Radio Immagina: “Penso che nella mia realtà si stia andando verso la zona arancione”. Merola fa riferimento in particolare agli ultimi dati sulla situazione sotto le Due torri: “Rt a 1,09 nella realtà di Bologna”, questo vuol dire che “il virus ancora gira e dobbiamo resistere per l’ultimo miglio, in attesa di un piano vaccinale completo, non è il momento di rallentare”.

Di certo “sarebbe opportuno comunicare in tempo i provvedimenti, evitare il dibattito dopo che sono stati approvati, ma in questo caso parlo delle istituzioni, non dei cittadini- continua Merola- e applicare le misure necessarie”. In questo contesto, “dovremmo comprendere tutti quello che non ha funzionato. Avere 20 Regioni autonome sulla sanità ha creato dei problemi“, sottolinea il sindaco di Bologna: sarebbe meglio “un’unica voce, ma anche concordare e, dopo aver concordato, evitare di dire ‘avrei fatto diversamente’, perché questo sfiducia i cittadini. Ai miei dico da tempo che faccio quello che mi dicono le autorità sanitarie, quindi sono pronto anche a un peggioramento bolognese, anche se ci sono dati confortanti sul piano vaccini perché ieri già 17.000 anziani sono riusciti a prenotare ed era il primo giorno, un dato positivo”.

LEGGI ANCHE: Bonaccini contro gli esperti: “Meno dichiarazioni alla stampa, la gente è confusa”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»