Covid, Bertolaso per Arcuri? No di Fontana: “Sta qui in Lombardia”

attilio fontana
"Bertolaso è insostituibile, spero che rimanga e che non accetti nessun eventuale incarico di Draghi", sottolinea il presidente della Lombardia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Nicolò Rubeis

MILANO – Fumo negli occhi per Attilio Fontana l’eventualità di Guido Bertolaso al posto di Domenico Arcuri come commissario all’emergenza. “Non lo consiglio al nuovo governo, perché voglio tenermelo stretto qui in Lombardia. Bertolaso è insostituibile, spero che rimanga e che non accetti nessun eventuale incarico di Draghi”. Il presidente della Lombardia ne ha parlato stamane a Mattino 5.

La Regione sul piano vaccinale vuole correre e chiudere in fretta. Durante la conferenza stampa di presentazione, lo stesso Bertolaso aveva dichiarato di voler vaccinare tutta la popolazione lombarda entro giugno, iniziando varie sperimentazioni in Fiera a Milano. Cronometro alla mano, “dal momento dell’arrivo a quando si esce ci vogliono circa 30 minuti per ciascun vaccinato”, assicura Fontana alla luce dei test realizzati lo scorso weekend nei padiglioni del quartiere fieristico meneghino.

SUI DATI POLEMICHE ALIMENTATE, NESSUN NOSTRO ERRORE

“Sulla questione dei dati ribadisco che non abbiamo fatto nessun errore. Ho la sensazione che ci sia la volontà di sottolineare mancanze che qui in Lombardia non esistono e alimentare polemiche”. Il presidente della Lombardia torna sulla querelle con l’Istituto superiore di sanità sui dati dei positivi sintomatici, all’origine della settimana in più di zona rossa a gennaio.
“Questo dubbio” sulle polemiche alimentate ad arte- chiude secco Fontana- “me lo porterò dentro per tutto il resto dei miei giorni”.

CON ZAIA PER COMPRARE DOSI DI VACCINO, GOVERNO DIA OK

“Stiamo collaborando con il presidente del Veneto Luca Zaia per comprare dosi di vaccino in autonomia, ma ora siamo fermi, perché il governo non consente gli acquisti delle singole Regioni. Aspettiamo un’autorizzazione”. La richiesta arriva direttamente da Attilio Fontana, intervenuto oggi in tv. Il problema rimane quello della “mancanza di dosi”, senza le quali non sarà possibile effettuare una vaccinazione di massa rapida e in pochi mesi come auspicato dal nuovo coordinatore dell’unità di Crisi del Pirellone Guido Bertolaso.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»