Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

I Ragazzi del Cinema America scrivono a Virginia Raggi: “Rinunci al bando e lasci vivere San Cosimato”

"Noi pagheremo Osp e rinunceremo ai contributi indiretti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Cara Sindaca, sfatiamo qualche mito: alcuni di noi l’hanno anche votata e, come molti, ora siamo un tantino delusi. Tuttavia, si può recuperare. Mettiamo fine a questa polemica. Lei rinunci al bavaglio acustico e al bando, noi pagheremo 35 mila euro di Osp, eliminando ogni contributo indiretto, e metteremo le cuffie due volte a settimana… anche se entrambe le cose non sarebbero necessarie”. È questo il testo del messaggio Whatsapp che i Ragazzi del Cinema America hanno scritto alla sindaca di Roma, Virginia Raggi, che ha visualizzato il messaggio come riportato su Facebook dai ragazzi guidati da Valerio Carocci.

“Ci lasci lavorare- si legge ancora- come abbiamo sempre fatto e saremo i primi a invitarla in piazza, come abbiamo provato a fare due anni fa per ben due volte senza ricevere risposta. Voltiamo pagina, ripartiamo da capo. Lasciamo vivere il Cinema America e San Cosimato e portiamolo insieme anche nelle borgate che le abbiamo proposto. Per Roma, per i Romani. E non per la campagna elettorale. Bergamo lo lasci dove vuole lei… e noi invece vediamoci per un caffè a San Cosimato. I ragazzi del Cinema America”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»