Il dl banche è legge, Gentiloni: “Passo avanti per sicurezza imprese e famiglie”

Il provvedimento è stato approvato con 246 'sì' e 147 'no'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’aula della Camera ha approvato in via definitiva il decreto recante disposizioni urgenti per la tutela del risparmio nel settore creditizio. I sì sono stati 246, i no 147, gli astenuti 22.

GENTILONI: PASSO AVANTI SICUREZZA ECONOMICA FAMIGLIE E IMPRESE

“Parlamento ha approvato decreto #salvarisparmio. Un passo avanti per garantire più sicurezza economica a famiglie e imprese”. Lo scrive il premier Paolo Gentiloni su twitter.


BRUNETTA: FI DICE NO, PROVVEDIMENTO CONFUSO E INIQUO

“Abbiamo votato no al dl Monte dei Paschi perché sono stati buttati 20 miliardi degli italiani per non salvare una banca, per non salvare il sistema bancario italiano. E’ un provvedimento confuso, inapplicabile, iniquo, perché tratta in maniera diversa i cittadini che sono stati truffati. E’ un provvedimento senza trasparenza. Salva banche e banchieri ma non salva i risparmiatori. Non dà nessuna certezza, nessuna credibilità al nostro sistema bancario, per cui continuerà la fuga dei depositi”. Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, parlando con i giornalisti in sala stampa a Montecitorio.

Dopo giugno, quando scadrà questa deroga di intervento da parte dello Stato, si ricomincerà daccapo e ricominceranno ancora le fughe dei depositanti ed il governo ribatterà cassa per avere altre risorse, prese dalle tasche degli italiani, per tamponare le falle che si apriranno nelle altre banche italiane. Continua la confusione mentale del governo e di questa maggioranza, prima con Renzi e ora con Gentiloni. No, no e no a questo modo di procedere. Il problema era in Europa, era in Italia, è nel Ministero dell’Economia e delle finanze, incapace di intendere e di volere. Così come Padoan è incapace di intendere e di volere per quanto riguarda la nostra situazione bancaria. Per questa ragione abbiamo votato no e continueremo a votare no. Opposizione dura, sempre più dura a questo governo di incapaci”, ha concluso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»