Spuntano palme in piazza Duomo a Milano. Maroni: “Mah…”

Il sindaco Giuseppe Sala ha promosso un restyling della piazza, ispirandosi ai giardini che sorgevano lì nell'800
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


MILANO – “Mah…“. Lo scrive su facebook Roberto Maroni, presidente della regione Lombardia, a commento della foto del restyling in corso in piazza Duomo a Milano, con aiuole dove già spuntano delle palme e sono in arrivo banani e altre piante.

RUOCCO (M5S): PALME? OPERAZIONE GROTTESCA E DI CATTIVO GUSTO

“Dalla Milano che beve alla Milano che osa di Sala”. Lo scrive ironicamente su facebook la deputata 5 stelle Carla Ruocco, che attacca il primo cittadino del capoluogo lombardo. Nel mirino della pentastellata la decisione di piantare palme e banani in piazza Duomo. “Gli stessi giornali che versarono fiumi di inchiostro per criticare ‘l’addobbo grillino’ dell’albero di Natale a piazza Venezia in Roma- sottolinea-, ora decantano con vette di puro lirismo la ‘Milano che osa‘ del sindaco piddino Sala. In cosa osa Sala, dopo aver osato, anzi usato l’Expo?”. “In un’operazione che più di cattivo gusto è grottesca- dice ancora-: palme e banani in Piazza Duomo, operazione venduta come recupero della tradizione ottocentesca dei preesistenti giardini. Se palme e banani non ebbero vita facile a Milano, fino a sparire dal verde pubblico forse una ragione climatica ed estetica ci sarà”. “Osate anche voi che mi leggete, osate a cercare sui giornali che decantano le imprese di Sala, qualche articolo sulle imprese giudiziarie post Expo”, conclude.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»