Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rifiuti. Dalla Regione 600 mila euro al Comune di Crotone

REGGIO CALABRIA - L’assessore regionale alla Tutela dell’ambiente della Regione Calabria,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

discaricaREGGIO CALABRIA – L’assessore regionale alla Tutela dell’ambiente della Regione Calabria, Antonella Rizzo comunica, con una nota diffusa dall’Ufficio stampa della Giunta, che la Regione, in data quindici febbraio, ha liquidato in favore del Comune di Crotone l’importo di 600.000,00 euro, come anticipazione sull’ attività di caratterizzazione e bonifica della discarica pubblica “Tufolo-Farina” nel Sito d’Interesse Nazionale di “Crotone-Cassano-Cerchiara”e di 52.288,98 euro, a saldo dei lavori  per la messa in sicurezza di emergenza dello stesso Sito, Come previsto dalla convenzione rep.838/2008.

   L’Assessore Rizzo comunica, inoltre, che, nella stessa data, la Regione ha anche proceduto alla liquidazione  della somma di. 1.500.000,00 euro, a titolo parziale, al Comune di Crotone delle risorse derivanti dalla coltivazione di idrocarburi (Royalteis), concernenti l’annualità 2011;alla liquidazione della somma di 2.345.753,00 euri ai Comuni di Crotone, Cirò Marina e Crucoli a saldo dell’annualità 2011;alla liquidazione della somma di 15.029,00 euro quale contributo regionale per lo stato finale del “Progetto per il risparmio energetico e del contenimento dell’inquinamento luminoso”.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»