Firenze, il capogruppo M5s se ne va: “Aderisco a Fratelli d’Italia”

La consigliera comunale Arianna Xekalos accusa: "Nel Movimento vogliono l'accordo con Nardella"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – La consigliera comunale Arianna Xekalos lascia il Movimento 5 Stelle. Lo annuncia ufficialmente l’ormai ex capogruppo pentastellata nel corso di una conferenza stampa a palazzo Vecchio.

Xekalos esce dai 5 Stelle per dar vita a ‘Firenze in movimento’ una lista civica che aderisce a Fratelli d’Italia, rappresentata nel corso dell’incontro coi giornalisti dal deputato Giovanni Donzelli e dal capogruppo in Comune, Francesco Torselli.

“Con tristezza, amarezza e sofferenza ho deciso di lasciare il Movimento 5 Stelle- spiega la consigliera- ma non intendo mollare, specialmente in questo momento storico e quindi ho deciso di fare opposizione alla Giunta scegliendo una via nuova, ‘Firenze in movimento’. Facciamo in modo che i principi che ho portato avanti in questi anni siano rispettati”. La formazione “si affiancherà al centrodestra, che ha dimostrato in questi anni di essere l’unico gruppo politico intenzionato a mandare a casa Nardella, in particolare ci riconosciamo in Fratelli d’Italia”.

La condivisione della città è, ormai, talmente solida da spingere la consigliera a garantire il sostegno al centrodestra alle amministrative di primavera “qualunque sarà” il candidato a primo cittadino.

Ma qual è la manchevolezza principale che Xekalos attribuisce al suo ormai ex partito? “Nel Movimento 5 stelle ho visto che uno non vale uno, le decisioni vengono prese dall’alto”.

Soprattutto, segnala, “avevo proposto di stipulare un contratto di governo sul modello nazionale” con la Lega “per mandare a casa Nardella”. Questa è stata l’istanza che ha prodotto la rottura definitiva: “Mi è stato risposto che dobbiamo andare da soli con coerenza. Dopodiché sono venuta a sapere che ci sono incontri con il sindaco o chi per lui per cercare di aiutarlo alle elezioni. Non ho nessuna intenzione di fare questo, non è corretto né credibile”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

16 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»