Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Navelli celebra la raccolta dello zafferano con show cooking e fumetto

zafferano 1
Sabato evento all'insegna dell'esperienzialità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

L’AQUILA – Come una volta, quando ci si radunava nei campi per condividere i prodotti della terra frutto di mesi di sacrificio, sabato prossimo, 18 dicembre, a Navelli la stagione della raccolta e della sfioritura dello zafferano de L’Aquila dop sarà festeggiata con un pomeriggio all’insegna del pregiato oro rosso e della convivialità. Quella di sabato sarà anche l’occasione per presentare i risultati del progetto ‘Profumo di zafferano’, promosso dalla Fondazione Silvio Sarra con la partnership di Comune di Navelli, Consorzio di tutela della dop e Cooperativa Oro Rosso, e finanziato dalla Fondazione Carispaq nell’ambito del bando sul turismo esperienziale, grazie al quale sono state implementate le già numerose iniziative che da anni si svolgono sulla Piana per avvicinare il grande pubblico alla pregiata spezia.

La giornata prevede la presentazione del fumetto ‘Una storia color zafferano’, realizzato da Andrea Marzii e Graziano Di Crescenzo di Promozione Territoriale, uno show cooking dello chef William Zonfa, ambasciatore dello zafferano nel mondo, e un concerto finale con un aperitivo. “Il progetto ‘Profumo di zafferano’ si chiude con un incredibile successo di presenze- dichiara in una nota Massimiliano D’Innocenzo, presidente del Consorzio- considerando che sono state circa duemila le persone arrivate a Navelli, dall’Italia e dall’estero, durante il periodo della raccolta e della sfioritura, richiamate dalla straordinarietà di questo prodotto ma soprattutto dalla tecnica di coltivazione e tostatura, che lo rende unico al mondo”.

A partire dalla metà di ottobre, a Navelli si sono svolte decine di esperienze di raccolta, sfioratura ed essicazione dello zafferano, degustazioni e visite guidate, incontri con food blogger e con l’Accademia della cucina teramana. E si sono susseguite le visite di troupe televisive nazionali e straniere che hanno raccontato la storia e le caratteristiche dello zafferano, accrescendo la sua visibilità nel mondo. Tra le numerose esperienze, i visitatori hanno anche avuto l’opportunità di tingere la lana con lo zafferano, svolgere laboratori teatrali, seguire corsi di fotografia.

“Alla semplice ‘esperienza in campo’, quest’anno abbiamo voluto affiancare una serie di attività- aggiunge Angelo Sarra, presidente dell’omonima Fondazione- per creare le condizioni per vivere ogni volta un’esperienza unica, fatta su misura per l’utente. Accanto alla possibilità di vivere ogni giorno la raccolta dei preziosi fiori sul campo, il momento della sfioratura nelle case dei produttori o in contesti di assoluto pregio come l’ex Convento di Sant’Antonio e infine la dimostrazione del metodo tradizionale di essiccazione, i partecipanti hanno infatti potuto usufruire di una serie di altre esperienze uniche, come il workshop di analisi sensoriale specifico sullo zafferano, la dimostrazione della tintura naturale della lana con i residui della lavorazione dello zafferano stesso, la visita del piccolo museo Sala dei ricordi, la scoperta turistica dei luoghi dello zafferano, in primis Civitaretenga e Navelli, ma anche Bominaco, Peltuinum o Fontecchio, per finire con pranzo o cena presso uno dei ristoranti di qualità dell’Altopiano, che traducono ed esaltano la spezia in preziosi piatti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»