Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Diamante candidata a Capitale della Cultura 2024

diamante
Per la ricchezza del suo territorio e delle sue tradizioni, ma soprattutto perché rappresenta quell'incontro tra tante civiltà e religioni che è alla base della cultura stessa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

(Foto dal sito del Comune di Diamante)

ROMA – Diamante come Capitale della Cultura italiana per il 2024, per la ricchezza del suo territorio e delle sue tradizioni, ma soprattutto perché rappresenta quell’incontro tra tante civiltà e religioni che è alla base della cultura stessa. Questo il filo conduttore di ‘Transizioni. Occasioni e rischi del nostro tempo. Il ruolo della cultura‘, il convegno tenutosi oggi a palazzo Wedekind per presentare la candidatura di Diamante a Capitale della cultura italiana 2024. D’altra parte “la cultura non è solo accumulo di beni culturali- ha detto Ernesto Gaudio, presidente del Comitato Diamante 2024- ma è la ricchezza che nasce dal confronto e dall’accoglienza e in questo Diamante, con tutta la Calabria, è un archetipo”.

Greci, Arabi, Ostrogoti sono solo alcuni dei popoli che hanno attraversato questo territorio e che hanno lasciato la loro traccia, a partire dal cibo (“Anche il peperoncino viene dall’altra parte del mondo”, ha ricordato Gaudio). E poi il forte legame con la Comunità ebraica, tanto che la presidente onoraria del Comitato Diamante 2024 è proprio la senatrice Lilana Segre; ma anche la Comunità Rom, “fortemente integrata nella nostra città”, come ha detto il sindaco di Diamante, il senatore Ernesto Magorno, che ha anche espresso la sua “profonda gioia” perché “quando ero piccolo la mia città era un villaggio di contadini e pescatori e oggi si trova in una delle sale più prestigiose d’Italia”.

E in effetti Diamante è ancora un piccolo centro e anche per questo, come hanno ricordato il presidente della Commissione Beni culturali del Senato, Riccardo Nencini, e l’assessore alla Cultura della Regione Calabria, Rosario Varì, dovrebbe essere valorizzato, anche in linea con i propositi di valorizzazione dei piccoli borghi del Pnrr.

Contaminazione tra culture e accoglienza ma anche un felice incontro tra antico e contemporaneo: accanto all’anfiteatro di Cirella, i murales che dipingono ogni angolo del centro e che, come ha detto ancora Nencini, “creano una sinergia unica fra passato e presente”.

“Diamante e la Calabria non sono solo mare e spiagge- gli ha fatto eco Varì- e lo testimoniano i tanti progetti calabresi premiati nel 2021: Vibo è stata Capitale italiana del libro, Tropea Borgo dei borghi e la Ciclopedia dei parchi ha ottenuto l’Oscar italiano del cicloturismo”. Infine, l’appello di Nencini a fare rete: “È importante che tutta la Calabria giochi dalla stessa parte del campo. Non vi dividete come faremmo noi Toscani”, ha concluso ironicamente.

All’incontro hanno partecipato anche, oltre al presidente dell’Inps Pasquale Tridico, Padre Francesco Trebisonda, rettore del Santuario di San Francesco di Pao, il fondatore del progetto ‘Mulinum’ Stefano Caccavari, la ‘project manager’ di Diamante 2024 Lucia Serino e il regista Mimmo Colapresti.

TRIDICO: “ORGOGLIOSI DI QUESTA CANDIDATURA”

L’Inps ha una storia importante di vicinanza e sostegno alla cultura e all’arte. Non potrebbe che essere così in un Paese come il nostro, in cui il 15% del Pil è dato proprio dalle attività legate alla cultura”, ha dichiarato il presidente dell’Inps Pasquale Tridico in apertura del convegno ‘Transizioni. Occasioni e rischi del nostro tempo. Il ruolo della cultura’ tenutosi stamattina a Roma a Palazzo Wedekind per presentare l candidatura di Diamante a Capitale italiana della cultura 2024.

“Il settore culturale da tempo, e soprattutto in pandemia, ha avuto molte fragilità- ha aggiunto- e con il nostro istituto abbiamo provato a sostenerlo. Abbiamo anche una gestione particolare dedicata allo spettacolo, l’ex Enpals, da cui abbiamo ereditato un fondo”.

Per Tridico “la cultura è la grande protagonista di questa giornata attraverso la candidatura di una straordinaria città, Diamante. Per questo- ha detto ancora- ringrazio il sindaco e senatore Ernesto Magorno che con la sua azione da sindaco, da calabrese, da senatore ha presentato il meglio della Calabria e delle sue bellezze”. “Io ho una imperdonabile partigianeria, di cui mi scuso, ma tutti noi abbiamo una storia personale e familiare legata a una regione. Sono calabrese- ha concluso- e da calabrese sono orgoglioso che una città come Diamante possa essere candidata”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»