Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rinviata l’elezione di Miss Italia: due concorrenti positive al Covid

patrizia mirigliani
La patron Patrizia Mirigliani: "Evento rinviato a gennaio". Il sindaco di Venezia Brugnaro: "Per noi la sicurezza delle persone viene prima di tutto"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – L’elezione di Miss Italia 2021, in programma domenica sera a Venezia, è stata rinviata. Nel corso dei controlli quotidiani previsti, sono emersi due casi di contagio tra le concorrenti. Pertanto, al fine di tutelare le ragazze, il personale del concorso, quello della produzione televisiva e tutti coloro che collaborano alla realizzazione dell’evento, “insieme al sindaco Luigi Brugnaro- spiega la patron Patrizia Mirigliani- abbiamo deciso di sospendere l’evento e di rinviarlo al prossimo mese di gennaio, anche in attesa dell’evoluzione della situazione epidemiologica in generale”.

Per noi la sicurezza delle persone viene prima di tutto-sottolinea il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro- ringrazio l’organizzazione di Miss Italia, del Comune di Venezia e di Vela spa per l’azione a tutela delle ragazze e dei collaboratori”. “Siamo molto dispiaciuti- riprende Mirigliani- ma siamo certi di avere deciso in modo giusto, perché la salute viene prima di tutto e lo spirito di Miss Italia è stato sempre quello di guardare, in primo luogo, al bene delle ragazze”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»