Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Teramo il maritozzo da record: 300 metri di bontà

maritozzo_teramo
A realizzarlo i ragazzi dell'alberghiero, 9mila porzioni offerte alla cittadinanza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TERAMO – È stata decisamente una dolce serata ieri per i cittadini e i curiosi arrivati a Teramo per assaporare il maritozzo da record realizzato dagli allievi dell’istituto superiore Di Poppa-Rozzi, diretto dalla preside Caterina Provvisero. Un mega maritozzo da 300 metri a cui hanno lavorato ben 600 studenti che frequentano gli indirizzi di pasticceria, enogastronomia, sala e vendita e accoglienza turistica impegnati, oltre che nel prepararlo, anche nell’allestire i 140 tavoli su cui adagiare la prelibatezza.

Una Piazza Martiri così non si era mai vista. “Una sfida vinta, come quelle che affrontiamo quotidianamente a scuola- dichiara in una nota la preside- e che sancisce il rapporto, stretto e intimo, tra l’istituto e il territorio”. La dirigente scolastica ricorda anche “l’impegno messo in campo dalla scuola nella creazione di opportunità per il futuro formativo e lavorativo dei ragazzi, anche grazie a stage in aziende, progetti Erasmus e partecipazioni a prestigiosi eventi”.

A coordinare gli allievi il professor Alberico Acciaio, docente di Cucina. “Abbiamo realizzato 600 pezzi da cinquanta centimetri l’uno e il maritozzo è stato poi sporzionato in novemila pezzi offerti alla cittadinanza– spiega- Sono stati utilizzati 2.400 uova, 300 chili di farina, 60 litri di latte, 45 chili di zucchero, 45 di burro, 10 chili di lievito di birra, 6 chili di semi di anice e 180 chili di crema di nocciola“.

“È una nuova dimostrazione del legame tra scuola e territorio, che unisce questi trecento metri di maritozzo- conclude il vicepreside Domenico Iobbi- Per la nostra scuola l’attività laboratoriale è un aspetto preminente che permette di acquisire competenze specifiche, attraverso il famoso ‘imparare facendo'”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»