Rosati (Eur Spa): “L’emergenza Pini è una sfida, dalla città parta un protocollo”

Parla l'amministratore delegato di Eur Spa, Antonio Rosati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La difesa dei pini di Roma è una grande sfida ambientale. Per vincerla è necessario fare squadra e coordinarci. La mia proposta è che l’amministrazione comunale sia il punto di riferimento di un protocollo che se venisse varato darebbe una risposta nazionale importante”. Lo ha detto l’amministratore delegato di Eur Spa, Antonio Rosati, nel corso del suo intervento al webinar ‘L’emergenza Toumeyella Parvicornis. Verso la difesa del pino domestico e del paesaggio monumentale di Roma’ proposto e organizzato da Eur Spa e a cui ha partecipato anche la sindaca di Roma, Virginia Raggi. “Penso che Roma possa essere il luogo dove questo protocollo venga varato. Come Eur Spa- ha detto ancora Rosati- ci candidiamo a modello di gestione urbana basata sull’economia della bellezza. Siamo in una nuova era, non abbiamo ancora chiare tutte le implicazioni economiche e sociali che questa pandemia ci lascerà, ma non saremo più gli stessi. Nel modello che stiamo elaborando di Economia della bellezza il paesaggio è decisivo”. Rivolgendosi agli esperti e agli accademici presenti al webinar, Rosati ha concluso dicendo loro che sono “fondamentali. Siamo la vostra casa- ha detto- Eur Spa si mette a vostra disposizione per qualsiasi supporto”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»