Cosmo-SkyMed cresce: altri due satelliti per la seconda generazione

firma cosmo skimmed
Saranno in orbita entro il 2025, contratto firmato nella sede dell'Agenzia spaziale italiana (Asi)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La costellazione italiana Cosmo-Skymed di seconda generazione si arricchirà di ulteriori due satelliti : il contratto complementare è stato firmato oggi nella sede dell’Agenzia spaziale italiana (Asi) dal direttore generale di Asi, Fabrizio Tosone, e dall’ad di Thales Alenia Space Italia, Massimo Comparini. Cosmo-Skymed, sistema di satelliti di osservazione della Terra, è il primo a essere nato per scopi duali, civili e militari, in grado di osservare il nostro pianeta sia di giorno che di notte, in ogni condizione meteo. I due nuovi satelliti saranno lanciati entro il 2025. “La firma del contratto per l’espansione della costellazione COSMO-SkyMed di Seconda Generazione (CSG) rappresenta un evento cruciale per assicurare al Paese la continuità operativa di un’infrastruttura spaziale all’avanguardia mondiale- commenta il presidente dell’Asi, Giorgio Saccoccia-. L’Agenzia Spaziale Italiana è fiera di essere ancora una volta promotrice delle tecnologie d’eccellenza che tutta la filiera produttiva di CSG è in grado di esprimere, e nel contempo conferma il proprio impegno nella realizzazione di sistemi spaziali in grado di rispondere alle esigenze di una vasta platea di utilizzatori in Italia e nel Mondo, in linea con gli Indirizzi del Governo in materia spaziale”.

Si tratta di “un contratto molto importante per il sistema Spazio italiano ed è anche l’occasione per affermare un principio molto importante: quando il nostro Paese fa sistema compete ai massimi livelli. L’esperienza di Cosmo-Skymed è un esempio di come nel campo delle tecnologie spaziali l’Italia rappresenti un’eccellenza”, commenta il ministro di Università e Ricerca Gaetano Manfredi. Cosmo-SkyMed di seconda generazione è realizzato per l’Agenzia Spaziale Italiana e per il ministero della Difesa in Italia con un importante contributo di Leonardo, attraverso le sue controllate e partecipate. In particolare Thales Alenia Space, joint venture tra Thales (67%) e Leonardo (33%) e’ responsabile del sistema End to End e dei satelliti Radar, mentre Telespazio, joint venture tra Leonardo (67%) e Thales (33%) e’ responsabile del Segmento di Terra. Inoltre, Leonardo contribuisce al programma fornendo i sensori di assetto stellare per l’orientamento del satellite, i pannelli fotovoltaici e unita’ elettroniche per la gestione della potenza elettrica. E-GEOS, società costituita da Telespazio (80%) e ASI (20%), e’ responsabile della commercializzazione dei prodotti e servizi Cosmo-SkyMed in tutto il mondo. “Pur essendo moderati, dobbiamo ricordare cosa rappresenta Cosmo-Skymed: un programma di frontiera– sottolinea Comparini-, ormai da anni punto di riferimento architetturale e tecnologico. E’ il frutto di competenze non solo dell’industria, ma anche della comunità di ricerca e accademica. Un esempio di best practice come dualità e come collaborazione tra istituzioni e imprese”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»