Covid, Blangiardo (Istat): “Nel 2020 oltre 700mila morti, come nel 1944”

"L'ultima volta che siamo andati oltre i 700 mila morti eravamo nel pieno della Seconda guerra mondiale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “E’ chiaro che non è ancora finito l’anno, e quindi faremo un bilancio alla fine. Pero’, è chiaro che la previsione, una valutazione molto ragionevole fa pensare che quest’anno, purtroppo e facilmente, supereremo il confine dei 700mila decessi complessivi, che è un valore preoccupante. Pensi che una cosa del genere in Italia era successa nel 1944, l’ultima volta che siamo andati oltre i 700 mila morti eravamo nel pieno della Seconda guerra mondiale. Quindi, purtroppo, è un anno particolarmente sfortunato”. Cosi’ il presidente dell’Istat Gian Carlo Blangiardo, ad ‘Agorà’ su Rai3, ricordando che “nel 2019 il dato è stato di 647.000 morti“.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»