Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Corte dei Conti cita De Luca, Regione: “Massima serenità”

vincenzo de luca
Il danno stimato è di circa 400mila euro relativamente alle assunzioni negli uffici di diretta collaborazione della presidenza della giunta di quattro ex vigili urbani di Salerno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Massima serenità rispetto alle valutazioni che farà la Corte dei Conti. Ogni provvedimento è stato vagliato dall’ufficio di Gabinetto”. Lo scrive in una nota la Regione Campania in risposta alla notizia del deposito da parte della procura regionale della Corte dei Conti della Campania di un atto di citazione in giudizio nei confronti del governatore Vincenzo De Luca, per un danno stimato dalla magistratura contabile di circa 400mila euro relativamente alle assunzioni negli uffici di diretta collaborazione della presidenza della giunta di quattro ex vigili urbani di Salerno. La Regione ripropone, poi, un passaggio di un comunicato trasmesso lo scorso 7 settembre: “…L’indagine triennale verte su questo interrogativo: i collaboratori che a turno accompagnano il presidente della Regione erano solo collaboratori o facevano anche lavoro di segreteria mobile? Si comunica altresì che l’organizzazione dell’Ufficio di segreteria della presidenza attuale, rispetto a quella precedente, ha comportato un risparmio di 84mila euro l’anno”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»