Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Ricciardi: “Sono per l’obbligo del vaccino agli operatori sanitari”

"Nel momento in cui vengono approvati i vaccini sono sicuri"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se gli operatori sanitari non faranno il vaccino, io sono per una forma di obbligo perché per gli operatori sanitari è obbligatorio moralmente e professionalmente proteggere se stessi per proteggere gli altri”. Sono le parole di Walter Ricciardi, consigliere del ministero della Salute, ad ‘Agorà’ su Rai3 “Devo dire che quest’anno- aggiunge- la campagna sulla vaccinazione antinfluenzale sta andando molto bene, l’abbiamo messa in molte regioni come obbligatoria e in certe regioni abbiamo superato il 70%. Quindi si può, con un mix di promozione”, incentivare a fare il vaccino. “Ma se questa non ha effetto, è importante inserire una clausola che obbliga il personale sanitario e il personale che sta a stretto contatto con il pubblico all’obbligatorietà del vaccino”. “Dal punto di vista della sicurezza- dice ancora Ricciardi-, nel momento in cui vengono approvati” i vaccini “sono sicuri. Se li facciamo noi che li studiamo e li proponiamo, credo che chiunque li possa fare in sicurezza”.

LEGGI ANCHE: Su Lancet i risultati del vaccino anti Covid di Oxford, Astrazeneca e Irbm

Covid, Strada: “Non ne usciremo prima di 2-3 anni, vaccino non risolverà”

Presentata la campagna vaccino anti-Covid: primula di Boeri per rinascita

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»