Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Reddito di Cittadinanza, Di Maio: “Assistenzialismo? Ditelo ai padri di famiglia licenziati”

ROMA - "Aiutare chi è difficoltà e' un dovere dello Stato. E' un dovere aiutare quell'Italia che e' in difficoltà.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Aiutare chi è difficoltà e’ un dovere dello Stato. E’ un dovere aiutare quell’Italia che e’ in difficoltà. Dobbiamo aiutare l’Italia dei sacrifici che paga le tasse e non dire non ci piacciono”. Lo dice Luigi Di Maio, vicepremier e ministro sviluppo economico e lavoro, in visita alla o alla Honeywell ad Atessa in Abruzzo.

“Appena ci siamo insediati abbiamo ricostituito la cassa integrazione per cessazione- aggiunge- ho trovato uno stato sociale a pezzi perche’ la vera oppposizione il Pd l’ha fatta, nei 5 anni passati, ai diritti dei lavoratori. Per questo vengo attaccato da chi dice che si tratta di strumenti assistenzialistici. Pero’ quando uno stabilimento chiude tutta la politiuca, maggioranza e opposizione, viene al minsitero, ma gli strumenti li proponiamo noi perche’ conosciamo i problemi”.

“A chi dice che il reddito di cittadinanza incentiva le persone a non lavorare- aggiunge Di Maio tra gli applausi- dico di andarlo a ripetere a un padre di famiglia di 55 anni che ha ricevuto una lettera di licenziamento e non sa come ricollocarsi sul mercato del lavoro”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»