Regione, Busia: “Lascio ad altri la spartizione delle poltrone”

L'esponente Cd ritira la disponibilità alla vicepresidenza del consiglio regionale sardo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

regione_sardegna_sede5CAGLIARI – “Ritiro la mia disponibilità a ricoprire l’incarico di vicepresidente del Consiglio regionale e lascio che siano gli altri a continuare a discutere dell’occupazione delle poltrone”. Così la consigliera del Cd Anna Maria Busia, dopo le elezioni dei vicepresidenti, che hanno visto la conferma di Eugenio Lai (Sel) per quanto riguarda la maggioranza, e di Ignazio Locci (Fi) per l’opposizione.

“Sarà l’elettorato a giudicare il mancato rispetto dell’accordo che oggi impedisce di fatto di avere una donna tra le più alte cariche del Consiglio e che rappresenta un altro fallimento della parità di genere- spiega Busia– le questioni che attengono all’occupazione delle poltrone mi hanno sempre appassionato poco e anche oggi non suscitano il mio interesse.

Avevo offerto la mia disponibilità a ricoprire la carica di vicepresidente del Consiglio regionale perché la presenza di una donna mi sembrava un segnale di apertura importante per la politica sarda“. Ieri Lai aveva annunciato la disponibilità, resa nota da subito, di fare un passo indietro, soluzione questa auspicata anche dal capogruppo di Sel Daniele Cocco: “Dobbiamo cercare tutti di abbassare i toni, l’episodio di ieri non è meritevole di encomio e gli unici incolpevoli Eugenio ed Anna Maria torneranno sui loro passi. La vicepresidente sarà legittimamente eletta”, spiegava Cocco. Ma le parole di Busia, che parla di decisione irrevocabile, sembrano chiudere definitivamente la porta a possibili cambi in corsa.

di Andrea Piana, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»