Religioni, al Senato dialogo per battere gli estremismi

Il convegno si è tenuto oggi al Senato alla presenza di rappresentanti delle tre grandi religioni monoteiste: cristianesimo, ebraismo e islam
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’islam deve riuscire a far passare contenuti alti della religione, non soltanto quelle che sono le necessita’ legate alla sicurezza e le migrazioni, che sono molto importanti ma che devono essere affrontate negli ambiti di pertinenza. I temi della convivenza e del dialogo richedono valori elevati, anche dal punto di vista dell’islam”. Così Ilham Allah Chiara Ferrero, segretaria generale della Comunità religiosa islamica (Co.Re.Is. Italiana). Dichiarazioni, le sue, rilasciate all’agenzia Dire a margine del convegno su ‘Dialogo interreligioso e interculturale in Italia: sfide e prospettive‘ che si è tenuto oggi al Senato alla presenza di rappresentanti delle tre grandi religioni monoteiste: cristianesimo, ebraismo e islam. 

La segretaria generale ha aggiunto aggiunge, a margine dell’incontro organizzato dalla senatrice Paola Binetti e dal Religion & Security Council, che per combattere gli estremismi “è necessario che le istituzioni abbiano interlocutori affidabili nelle comunità religiose, che non passino le opinioni piu’ radicali, ed è importante che queste comunita’ cooperino tra loro e trovino un riconoscimento reciproco”.

Tra i relatori del convegno anche il rabbino capo della comunità ebraica di Roma, Riccardo Di Segni. “Le religioni – ha detto – possono dare un contributo importante in questo momento di polarizzazione del dibattito sociale, perche’ possono aiutare a trovare una mediazione nei punti comuni, nei valori da difendere e da rappresentare insieme”.

Binetti ha sottolineato che la religione è “elemento di pacificazione sociale forte, che ricompone le diversità dal punto di vista della fede. Sempre se vissuta, però all’insegna della paternità di Dio, che non può volere tra i suoi figli lotte come quelle a cui assistiamo giorno per giorno”. All’incontro è intervenuto anche monsignor Rino Fisichella, presidente del Pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, che ha messo l’accento sulla relazione tra l’essere tutti “migranti digitali” e il dialogo interreligioso, snodo fondamentale della contemporaneità.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»