Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il caso delle baby squillo nella terza serie italiana di Netflix

Le riprese inizieranno nel 2018
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Annunciata la realizzazione della terza serie italiana di Netflix. Dopo il lancio sulla piattaforma lo scorso mese di Suburra a cui è seguito l’annuncio della docuserie Juventus FC , arriva Baby.

Leggi anche Su Netflix novembre nel segno di “The Punisher” e “Mudbound”

La serie prende spunto dallo scandalo che coinvolse nel 2014 diverse adolescenti della capitale. Le riprese degli 8 episodi prodotti da Fabula Pictures inizieranno nel 2018.

Baby, la serie

“Baby è una storia di formazione che esplora le vite segrete degli adolescenti di Roma. Liberamente ispirata ad una storia vera – scrive la piattaforma in un comunicato ufficiale – lo scandalo delle baby squillo scoppiato a Roma nell’estate 2014, la serie racconta le vicende di un gruppo di ragazzi dei Parioli in cerca della propria identità e indipendenza tra amori proibiti, pressioni familiari e segreti condivisi”.

Per scrivere Baby Netflix ha scelto i GRAMS, un nuovo collettivo di scrittori composto da cinque giovani autori: Antonio Le Fosse, Eleonora Trucchi, Marco Raspanti, Giacomo Mazzariol e Re Salvador. Gli scrittori Isabella Aguilar e Giacomo Durzi si sono uniti al gruppo, contribuendo con la loro visione al racconto della vicenda.

“Siamo orgogliosi di continuare ad investire in contenuti originali in Italia – ha detto Erik Barmack, Vice President International Originals a Netflix – e Baby è rappresentativa dei nuovi e avvincenti programmi dei produttori di talento che amiamo. Non potremmo essere più emozionati di iniziare a lavorare a questa serie”. Grande l’entusiasmo anche in casa Fabula Pictures: “Siamo davvero entusiasti di lavorare con Netflix per far conoscere nuove voci e storie italiane al pubblico di tutto il mondo – ha detto Nicola De Angelis, executive producer -. La grande libertà creativa che Netflix ci offre è il terreno perfetto per sperimentare nuove modalità di storytelling nella televisione del nostro paese”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»