Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Da domenica a Milano il Congresso nazionale dei chirurghi italiani

congresso_acoi_milano
“Ritorno al Futuro - 39° Congresso Nazionale ACOI” si terrà nella location SUPERSTUDIO di via Tortona 27
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Per quattro giorni Milano diventa la Capitale della chirurgia italiana. Dal 17 al 20 ottobre, infatti, il capoluogo della regione che per prima ha subito gli effetti devastanti della pandemia sulla popolazione e sul Sistema Sanitario Nazionale, ospita il 39° Congresso dell’Associazione chirurghi ospedalieri italiani (ACOI).

“Ritorno al Futuro – 39° Congresso Nazionale ACOI” che si terrà nella location SUPERSTUDIO di via Tortona 27, sarà un appuntamento che vedrà la presenza di oltre 1950 chirurghi italiani già accreditati che si confronteranno in ben 70 sessioni scientifiche in programma.

Domenica 17 ottobre alle 16 l’apertura dei lavori da parte dei Presidenti del Congresso Ildo Scandroglio e Gianandrea Baldazzi. Sono previsti i saluti del Ministro della Salute Roberto Speranza, del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana e delle autorità locali.

A seguire si terrà il discorso inaugurale del presidente ACOI, professor Pierluigi Marini, che entrerà nel vivo di un Congresso che è chiamato ad affrontare i temi centrali dei chirurghi ospedalieri italiani: in particolare il discorso toccherà i temi della formazione, della tutela medico-legale, dello sviluppo delle attività scientifiche, della crisi vocazionale dei giovani e, non da ultimo, della ripresa attività chirurgica post covid.

Al termine della relazione introduttiva si terrà la tavola rotonda: ACOI IN THE WORLD: Come si diventa chirurghi nel Mondo?”: a confrontarsi saranno, sotto la presidenza del prof. Pierluigi Marini e la moderazione di Giovanni D. Tebala: Piercristoforo Giulianotti – Chicago (USA), Cristiano G.S. Huscher – Abano Terme (Italia), Evangelos Kanavos – Iaso Thessalias (Grecia), Rea Lo Dico – Paris (Francia), Davide Lomanto – Singapore (Asia), Alessandro Marra – Bremen (Germania), Luca Ponchietti – Aragon (Spagna)

Da lunedì 18 ottobre a mercoledì 20 ottobre, nelle 7 sale che ospiteranno il Congresso, 70 sessioni di lavoro con oltre 1113 relatori. Tra i temi: Covid Surgery, la tutela professionale, la chirurgia del colon, del retto, dello stomaco, epatobiliopancreatica, la consensus conference sulle infezioni ospedaliere, la formazione del chirurgo nel III millennio, il rapporto tra società scientifica e chirurgia ospedaliera pubblica e privata. Ampio spazio è stato dato ai giovani con formazione pratica sul campo grazie a sessioni pratiche “Handcraft section” e “training village” che daranno la possibilità a quasi 150 chirurghi specializzandi e under 35 di esercitarsi con programmi mirati per skill di partenza ed obiettivi.

Senza dimenticare gli innumerevoli gli spazi per la discussione delle esperienze chirurgiche da tutta Italia con oltre 140 contributi video e 270 orali.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»