Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Bologna un 81enne affronta il corteo di ‘No green pass’: “Sono vivo perché vaccinato”

anziano al corteo no green pass a bologna
Un anziano si è avvicinato ai manifestanti, uno dei quali si è rivolto a lui così: "Se facendo il vaccino ti fosse venuta una bella trombosi, non saresti qui a rompere i coglioni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – A 81 anni contro il corteo che oggi, radunando alcune migliaia di manifestanti, si è tenuto Bologna contro il Green pass e con ripetuti attacchi al vaccino anti Covid. La scena si è vista lungo i viali, mentre la manifestazione imboccava il ponte di via Stalingrado: l’anziano, con mascherina chirurgica d’ordinanza, si è avvicinato a un lato del corteo cominciando a criticare la natura della protesta. Ne è nato un diverbio con alcuni manifestanti e uno di loro, un ragazzo, si è rivolto così all’uomo: “Se facendo il vaccino ti fosse venuta una bella trombosi, non saresti qui a rompere i coglioni”.

Subito dopo, parlando con la ‘Dire’ spiega l’anziano: “È doloroso vedere tanta gente, che non sa che se siamo vivi e se siamo ancora una società civile è perchè ci siamo fatti i vaccini“. L’81enne non riesce a convincersi che quella di oggi non fosse una manifestazione “artefatta”, in qualche modo. “Io li ho fatti tutti i vaccini. Si fanno i vaccini quando vai al militare, si fanno i vaccini quando vai dappertutto. Perchè non dobbiamo fare questo vaccino? Quale motivo c’è- continua l’anziano- se tutto il mondo è pieno di milioni di morti. A cosa ci serve questa logica qua?, aggiunge l’81enne osservando sconsolato il serpentone che sfila. “Sto male a vedere questa cosa”, conclude l’anziano, ricordando che “io invece andavo in piazza quando non c’era abbastanza salute, negli anni ’70. Per chiedere anche i vaccini, scuola e salute pubblica uguale per tutti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»