Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Green pass, manifestazioni al porto di Ancona e in piazza a Pesaro

protesta no green pass ancona
Circa 200 persone hanno protestato all'interno dell'area portuale: "Lottiamo per la nostra libertà e non vogliamo tamponi gratuiti ma la cancellazione della certificazione verde"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Manifestazioni contro l’obbligo di green pass nei luoghi di lavoro si stanno svolgendo a Pesaro ed Ancona. Nel capoluogo di regione sotto osservazione, in particolare, il porto dorico dove erano annunciati presidi e proteste. “Per quanto riguarda l’attività legata alla trasportistica portuale– spiega alla Dire la segretaria generale di Fit-Cisl Marche, Daniela Rossisi sta svolgendo regolarmente senza particolari intoppi”.

Due presidi, sempre all’interno dell’area portuale, si sono invece tenuti davanti a Fincantieri ed in via Mattei. “Una cinquantina di lavoratori ha manifestato in maniera ordinata davanti alla sede di Fincantieri fino alle 8.30- aggiunge alla Dire Tiziano Beldomenico della Fiom-Cgil di Ancona-. Gli operai hanno poi raggiunto via Mattei dove c’era un altro presidio perlopiù di appartenenti al movimento ‘no green pass’ e da lì si stanno dirigendo verso la sede della Prefettura dove è in programma un’altra manifestazione”.

LEGGI ANCHE: A Genova monta la protesta: “No green pass e no fascisti”

Complessivamente la protesta al porto ha coinvolto quasi 200 persone che, pur non bloccando fisicamente i mezzi in transito, occupando la strada hanno costretto i vigili, per una questione di sicurezza viaria, a chiudere temporaneamente l’accesso nord del porto creando disagi al traffico urbano.

LEGGI ANCHE: Sit-in a Firenze: “No al green pass e alle strumentalizzazioni”

A Pesaro invece oltre 150 persone si sono date appuntamento in piazzale Lazzarini davanti al teatro Rossini esponendo striscioni e cartelli al grido di ‘libertà, libertà’ e ‘no green pass’. “Siamo un movimento libero, trasversale e apolitico– spiega uno dei promotori, Davide Di Tommaso-. Noi lottiamo per la nostra libertà e non vogliamo tamponi gratuiti ma la cancellazione del green pass. Io oggi non mi sono presentato al lavoro e chiedo a tutti i lavoratori di non cedere ai ricatti anche a costo di perdere il lavoro”.

Intanto il gruppo di Ferrovie dello Stato fa sapere che “nelle Marche la circolazione dei treni è regolare e non si registrano criticità legate all’entrata in vigore dell’obbligo del green pass”.

LEGGI ANCHE: Green pass, a Bologna in 2mila in piazza contro la “schiavitù anticostituzionale”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»