Coronavirus, De Luca chiude le scuole in Campania fino al 30 ottobre

La nuova ordinanza del governatore della Campania arriva dopo il boom di contagi registrati oggi: 1127 nuovi positivi nelle ultime 24 ore
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – Chiuse da domani fino al 30 ottobre le scuole primarie e secondarie della Campania. Lo prevede la nuova ordinanza appena firmata dal presidente della Regione Vincenzo De Luca e che sara’ pubblicata a breve sul Burc. Il provvedimento prevede lo stop “delle attivita’ didattiche ed educative in presenza”. Sospese le attività didattiche e di verifica in presenza anche nelle universita’ della Campania, fatta eccezione per quelle relative agli studenti del primo anno. 

VIETATE TUTTE LE FESTE, ANCHE I MATRIMONI

In Campania sono vietate tutte le feste con invitati estranei al nucleo familiare convivente. Lo prevede un’ordinanza firmata dal governatore Vincenzo De Luca che e’ in corso di pubblicazione. Lo stop riguarda anche le celebrazioni relative a “cerimonie, civili o religiose” in luoghi pubblici, aperti al pubblico e privati, al chiuso o all’aperto. 

DIVIETO VENDITA CIBO DA ASPORTO DALLE 21

Divieto di vendita di cibo da asporto dopo le 21. Resta consentito il delivery senza limiti di orario.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, De Luca: “Con mille casi e 200 guariti al giorno sarà lockdown”

“Se dovessimo avere mille contagi e 200 guariti al giorno, sarà lockdown. Se, in termini assoluti, avremo 800 positivi al giorno, arriveremo alla chiusura di tutto”. Lo aveva annunciato venerdì scorso il governatore della Campania Vincenzo De Luca.Oggi la ‘soglia’ indicata dal presidente della Regione é stata superata: con 1127 contagi e 317 guariti nelle ultime 24 ore, i positivi aumentano in termini assoluti di 810 unità, sopra il limite previsto per un pensare a un lockdown regionale. 

 

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»