Coprifuoco in 16 regioni della Tunisia per frenare il Coronavirus

Oltre 34.000 casi finora, in molte zone chiusi anche i mercati
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – In Tunisia tornano a crescere i contagi da Covid-19: oltre 34.000 i casi registrati finora, e negli ultimi giorni si sono toccati più volte picchi di mille nuovi positivi in 24 ore. Per questo le autorità hanno imposto il coprifuoco in due terzi dei governatorati (16 su 24), compresa l’area metropolitana di Tunisi dove risiede un decimo della popolazione nazionale. In molte di queste regioni sono state assunte ulteriori misure, tra le quali la chiusura dei mercati e il divieto si sedersi nei caffè. Il primo ministro Hichem Mechichi ha rassicurato la popolazione, escludendo la possibilità di un ritorno a un lockdown totale, causa di una grave crisi economica che l’estate scorsa ha colpito soprattutto il turismo. Il capo del governo ha tuttavia esortato i cittadini a indossare le mascherine e osservare le norme anti-contagio, anche per prevenire il sovraccarico delle strutture sanitarie, che in molte zone non sono sufficientemente attrezzate.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»