Azzolina: “La scuola è sicura e non chiuderà, basta metterla in discussione”

La ministra torna a ribadire il suo 'no' all'ipotesi degli studenti a casa: "Il fatto che la scuola sia il primo elemento sacrificabile nei ragionamenti di queste ore è sintomatico dell'idea di Paese"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Io mi chiedo perché la scuola deve essere sempre il primo elemento sacrificabile nei ragionamenti che sento in queste ore. È sintomatico dell’idea di Paese. La scuola è in credito con il Paese“. Così la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina in un’intervista pubblicata oggi sul Foglio.

La ministra ha anche precisato che “la scuola è sicura e non chiuderà: niente lockdown degli studenti”. E sul concorso ha aggiunto che si va avanti: “Si farà”, ha ribadito.

LEGGI ANCHE:

Salvini: “Vietano feste bambini e cresime, ma il 22 ottobre si muovono 76.000 docenti”

Scuola, Azzolina: “Nessun rischio sanitario per il concorso”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»