L’Emilia-Romagna vuole l’Iva al 4% su pannolini e igiene intima

Oggi la proposta è stata approvata oggi dall'Assemblea legislativa regionale. Solo Forza Italia si è astenuta
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – L’Emilia-Romagna chiede l’Iva agevolata al 4% su pannolini per bambini e i prodotti per l’igiene femminile. La proposta, contenuta in una risoluzione presentata dalla dem Nadia Rossi, è stata approvata oggi dall’Assemblea legislativa regionale con la sola astensione di Forza Italia. Insieme alla risoluzione sono stati approvati emendamenti firmati anche dai 5 stelle.

LEGGI ANCHE Il ministro Boccia: “Farò di tutto per ridurre l’Iva su pannolini e assorbenti”

Raffaella Sensoli (M5s) ha posto l’attenzione sulla necessità di prevedere ulteriori agevolazioni per i pannolini per bambini, impiegando prodotti “riutilizzabili o riutilizzati con sostanze naturali”. Per Silvia Piccinini, altra pentastellata, “vanno assicurati livelli più elevati di sostenibilità ambientale e regimi di tassazione agevolata. Inoltre, questi articoli devono essere promossi nelle scuole, nei consultori, negli ospedali e nelle farmacie”. In aula Rossi ha sottolineato l’importanza di applicare aliquote agevolate a questa tipologia di prodotti, considerati beni primari: “Ridurre l’aliquota dal 22% al 4% rappresenta un atto di democrazia e una battaglia di civiltà, come già hanno fatto altri paesi europei, alcuni dei quali l’hanno persino eliminata”.

Una “istanza condivisibile- ha detto Giancarlo Tagliaferri di Fratelli d’Italia- ma non vanno dimenticati i prodotti di igiene intima per gli anziani con patologie di incontinenza. Perciò pensiamo che tutti gli articoli della categoria vadano detassati completamente”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»