L’Emilia-Romagna vuole l’Iva al 4% su pannolini e igiene intima

neonati
Oggi la proposta è stata approvata oggi dall'Assemblea legislativa regionale. Solo Forza Italia si è astenuta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – L’Emilia-Romagna chiede l’Iva agevolata al 4% su pannolini per bambini e i prodotti per l’igiene femminile. La proposta, contenuta in una risoluzione presentata dalla dem Nadia Rossi, è stata approvata oggi dall’Assemblea legislativa regionale con la sola astensione di Forza Italia. Insieme alla risoluzione sono stati approvati emendamenti firmati anche dai 5 stelle.

LEGGI ANCHE Il ministro Boccia: “Farò di tutto per ridurre l’Iva su pannolini e assorbenti”

Raffaella Sensoli (M5s) ha posto l’attenzione sulla necessità di prevedere ulteriori agevolazioni per i pannolini per bambini, impiegando prodotti “riutilizzabili o riutilizzati con sostanze naturali”. Per Silvia Piccinini, altra pentastellata, “vanno assicurati livelli più elevati di sostenibilità ambientale e regimi di tassazione agevolata. Inoltre, questi articoli devono essere promossi nelle scuole, nei consultori, negli ospedali e nelle farmacie”. In aula Rossi ha sottolineato l’importanza di applicare aliquote agevolate a questa tipologia di prodotti, considerati beni primari: “Ridurre l’aliquota dal 22% al 4% rappresenta un atto di democrazia e una battaglia di civiltà, come già hanno fatto altri paesi europei, alcuni dei quali l’hanno persino eliminata”.

Una “istanza condivisibile- ha detto Giancarlo Tagliaferri di Fratelli d’Italia- ma non vanno dimenticati i prodotti di igiene intima per gli anziani con patologie di incontinenza. Perciò pensiamo che tutti gli articoli della categoria vadano detassati completamente”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»