A Milano rinasce condominio che abbatte costi e smog

Per il condominio di via Murillo è cominciata una 'second life'grazie a Enel X, Teicos e Rockwool. "È un modello da replicare", dice il sindaco Sala
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Il condominio di viale Murillo a Milano entra a pieno titolo tra gli edifici all’avanguardia del capoluogo lombardo. Il ‘merito’ è di un intervento di riqualificazione con cui si sono ottenuti “una riduzione dei consumi energetici del 74% e un risparmio complessivo in bolletta dell’80% oltre alla bonifica e ristrutturazione dell’intero edificio”.

La ‘second life’ del palazzo è stata tenuta a battesimo oggi alla presenza del sindaco meneghino Giuseppe Sala e dei responsabili di Enel X, Teicos e Rockwool, le tre aziende che hanno sostenuto la campagna di Legambiente Lombardia ‘Condomini efficienti’, avvalendosi di incentivi nazionali e locali per la realizzazione della riqualificazione. Composto da nove ‘unità abitative’ suddivise in cinque piani, il condominio di viale Murillo era in classe energetica ‘G’ e riscaldato ancora a gasolio, oltre a presentare importanti problemi di infiltrazione sulla copertura e di degrado della facciata. Gli interventi hanno riguardato il risanamento della facciata e l’isolamento termico a capotto, il rifacimento della copertura e il relativo isolamento termico, così come l’isolamento delle solette del piano terra e di tutti i vani riscaldati.

Infine, è stato sostituito l’impianto termico rinnovando con una pompa di calore a gas. Questi interventi hanno permesso il miglioramento della classe energetica dello stabile da ‘G’ a ‘C’ e annessa riduzione dei consumi (prevista del 74%), oltre a una totale valorizzazione dell’immobile. Enel X ha fornito la pompa di calore a gas che abilita la riduzione dei consumi e delle emissioni a gas e ridotto, “grazie all’acquisizione della cessione del credito”, la cifra complessiva dell’intervento sostenuta dal condominio, pari al 30% del valore dei lavori.

 

Teicos Group è l’impresa di costruzioni milanese che ha eseguito la progettazione energetica e realizzato gli interventi di efficientamento, accompagnando il condominio nel processo della cessione del credito. Rockwool ha fornito il sistema di isolamento termico a cappotto che ha contribuito ad aumentare il comfort interno oltre a ridurre consumi e costi di gestione.

“Grazie agli interventi messi in campo- afferma Sala- oggi il palazzo di viale Murillo costituisce un modello da seguire e replicare: un palazzo che coniuga innovazione e anima ‘vecchia Milano'”. Per il sindaco “porre in essere azioni sostenibili a livello sociale, economico e ambientale è indispensabile per migliorare la qualità della vita dei cittadini”, perché “oltre a garantire benefici all’ambiente e alla salute incide in modo sensibile anche sulla gestione economica delle famiglie”. Ecco perché la riqualificazione di tutti gli edifici pubblici e privati per il sindaco “rappresenta un passaggio fondamentale nel progettare il futuro della città” e “bisogna continuare, quindi, su questa strada”. Nel dirlo Sala evidenzia come attraverso gli incentivi del bando BE1 e BE2 il Comune sia già intervenuto su 126 edifici in città.

“Oggi Enel X si propone come partner dei condomini offrendo soluzioni tecnologiche avanzate per rendere gli immobili un luogo sempre più sicuro ed efficiente”, dichiara il responsabile nazionale di Enel X Alessio Torelli. A detta di Torelli in quest’ottica, strumenti come l’ecobonus e la cessione del credito “rappresentano un’opportunità per i cittadini contribuendo a incrementare il valore degli immobili, a ridurre le spese di gestione, con evidenti vantaggi per l’ambiente e la collettività”.

Secondo l’ad Cecilia Hugony di Teicos Group invece “la riqualificazione energetica del patrimonio residenziale dovrà assicurare il 30% del target al 2030 di riduzione delle emissioni nel nostro paese, secondo il piano Nazionale per l’energia ed il clima”. La riqualificazione energetica degli edifici rappresenta uno tra i più importanti contributi per fermare il cambiamento climatico anche per il presidente di Legambiente Lombardia Barbara Meggetto. “Una realtà che continua a preoccupare è quella degli impianti termici più impattanti sul fronte dell’inquinamento atmosferico”, dichiara Legambiente, rappresentata stamattina dal vicepresidente lombardo Marzio Marzorati.

“A Milano, per esempio, resistono ancora migliaia di condomini con grosse caldaie a gasolio“, segnalano ancora gli ambientalisti. Una situazione definita “allarmante” dal presidente di Legambiente Lombardia, Barbara Meggetto, “considerato che il funzionamento di una caldaia a gasolio, a parità di prestazioni costa il doppio ed emette 25 volte più inquinanti di una caldaia a metano”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»