Acn specialisti, Maritati (Sisac): “Aspettiamo ancora l’ok del governo”

Il coordinatore Sisac ne ha parlato a margine del 52esimo congresso Sumai Assoprof, in corso a Gardone Riviera
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GARDONE RIVIERA (BRESCIA) – L’accordo collettivo nazionale (Acn), che riguarda i medici specialisti ambulatoriali, è fermo ai box da agosto scorso, col nuovo esecutivo che tarda a dare il via libera per il proseguimento dell’iter di approvazione. Ne ha parlato il coordinatore Sisac, Antonio Maritati, a margine del 52esimo congresso Sumai Assoprof, in corso a Gardone Riviera. “Dopo la sigla del pre intesa del contratto della specialistica ambulatoriale del 26 di giugno- ha detto Maritati- come Sisac abbiamo mandato tutta la documentazione al governo per avere l’ok e poi procedere con la Corte dei Conti e la definitiva approvazione in Conferenza Stato-Regioni. Nonostante siamo stati celeri, perché già il 4 di luglio avevamo trasmesso tutto al governo, non abbiamo ancora avuto nessuna risposta in merito alla l’ok per poter procedere con l’invio alla Corte dei Conti dell’ipotesi Acn, della relazione che abbiamo già preparato”.

“Purtroppo- ha aggiunto- questo è un elemento negativo che probabilmente è dovuto anche al cambio di governo che ha rallentato enormemente i tempi previsti, cioè 20 giorni lavorativi. Quindi noi ci aspettavamo per i primi di agosto di avere già un un ok. Poi sappiamo tutti quello che è successo, questo probabilmente ha creato delle lungaggini. Spero che a breve potremo ricevere l’ok, soprattutto da parte del ministero dell’Economia, per poter poi, nel più breve tempo possibile, arrivare alla conclusiva definizione di ipotesi di Acn per la specialistica. Parimenti- ha anche detto Maritati- siamo in attesa anche dell’ok per l’atto di indirizzo del 9 di luglio che sancisce, per quanto riguarda anche la specialistica ambulatoriale, un surplus di risorse sul 2018 di circa un’altra decina di milioni da poter vedere riconosciute a breve anche queste risorse come i precedenti aumenti contrattuali del comparto della specialistica ambulatoriale. Anche di questo siamo in attesa”.

SEGUI LO SPECIALE 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»