VIDEO | Siria, unità di Damasco arrivano a Manbij. Trump sanziona la Turchia

Obiettivo dell'intervento sarebbe creare "una zona di sicurezza" sulla base di un accordo tra il governo di Bashar Assad e la Federazione democratica del Rojava-Siria del nord
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Unità dell’esercito della Siria sono entrate a Manbij, una cittadina del nord dove si starebbe concentrando l’offensiva militare della Turchia contro l’amministrazione e le milizie curde: lo hanno riferito agenzie di stampa ed emittenti tv a Damasco.

Secondo questa ricostruzione, l’obiettivo dell’intervento è creare “una zona di sicurezza” sulla base di un accordo tra il governo del presidente Bashar Assad e la Federazione democratica del Rojava-Siria del nord.

Sul piano internazionale, gli Stati Uniti hanno adottato sanzioni nei confronti della Turchia.

Il decreto firmato dal presidente Donald Trump colpisce anche tre ministri coinvolti nell’offensiva in Siria: il titolare della Difesa, Hulusi Akar, quello dell’Interno, Suleyman Soylu, e quello dell’Energia, Fatih Donmez. “Gli Stati Uniti – ha fatto sapere il segretario al Tesoro Steven Mnuchin – ritengono il governo di Ankara responsabile dell’aumento di violenza da parte delle forze turche, che mette in pericolo civili innocenti e destabilizza la regione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»