Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Approvata la manovra: da febbraio via a pensioni a quota 100. E arriva la pace fiscale

Il fondo derivante dal taglio delle pensioni d'oro andrà come copertura alla legge di bilancio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nella tarda serata di ieri è finito il Consiglio dei ministri a Palazzo Chigi: via libera a manovra e decreto fiscale. Ieri sera stessa il Documento programmatico di bilancio è stato inviato alla Commissione europea.

Ecco i principali punti:

A FEBBRAIO VIA ALLA QUOTA 100

A febbraio parte la riforma della legge Fornero con la possibilità di andare in pensione con quota 100 tra età contributiva e anagrafica.

PENSIONI D’ORO, IL GOVERNO SI ASPETTA UN MILIARDO IN 3 ANNI

Il governo conta di ottenere un “miliardo dalle pensioni d’oro in 3 anni. Saranno messi come copertura nella legge di bilancio”.

ACCORDO SULLA PACE FISCALE: TETTO MASSIMO 100.000 EURO

Raggiunto un accordo sulla pace fiscale con “percentuali variabili“. Non ci sarà però “nessun salvacondotto per gli evasori“, nel senso che tramite la dichiarazione dei redditi integrativa “sarà possibile integrare fino ad un massimo del 30% in più rispetto alle somme già dichiarate con un tetto massimo di 100.000 euro”. 

Per aderire alla pace fiscale ci sarà “una tassazione al 20% sul maggiore imponibile Irpef dichiarato nei 5 anni precedenti. Il tetto è di 100 mila euro con un massimo dichiarabile (nella dichiarazione integrativa) di un terzo sull’imponibile dell’anno precedente”.

E’ un condono? Questa parola non pace a nessuno. “Per noi non è un condono, poi lei scriva quello che vuole”, dice il premier Giuseppe Conte durante la conferenza stampa. E il ministro Giovanni Tria al termine della stessa risponde così ai giornalisti: “Per me non è un condono, non c’è una norma complessiva, ci sono tante norme. Studiate“.

CARTELLE ESATTORIALI, VIA SANZIONI E INTERESSI

“Precontenzioso e contenzioso cartelle: via sanzioni e interessi per tutti, pagamento dilazionato il 20 rate trimestrali, cioè in 5 anni“. Novità anche per le cartelle datate e sotto i 1.000 euro, che verranno stralciate.

“Lo stralcio riguarda le cartelle esattoriali sotto i 1000 euro e prima del 2010. Si tratta del 25% del magazzino fiscale per circa 10 milioni di contribuenti”.

SPUNTA IL DECRETO TAGLIA-SCARTOFFIE

Insieme alla manovra, Il Consiglio dei ministri ha approvato anche un altro decreto, spuntato in serata ieri. Si tratta del decreto rinominato ‘Taglia scartoffie e leggi inutili‘. Nel provvedimento trovano posto “oltre 100 adempimenti in meno per le imprese; Rc auto equa e chi ha crediti verso la pa non vedrà pignorata la casa”. E non manca lo stop ai governatori commissari alla Sanità e misure contro “i medici furbetti che aumentano la lista di attesa per l’intramoenia”.

ARRIVA UNA NORMA PER ARRESTARE EVASORI

Al vertice di governo sulla manovra è stato trovato un accordo per inserire una norma per l’arresto degli evasori. 

TASSE, MIGRANTI, FAMIGLIA

E ancora, non ci sarà nessun aumento tasse tranne che su banche e assicurazioni; saranno stanziati 100 milioni di euro per le politiche della famiglia, mentre saranno tagliati oltre 1 miliardo e 300 milioni di euro per il triennio per l’accoglienza degli immigrati.

conte_salvini_imagoeconomica
giovanni_tria_imagoeconomica
di maio_conte_salvini_tria
di maio_conte_salvini_imagoeconomica
di maio_conte_salvini_tria_imagoeconomica
di maio_conte_salvini_tria_imagoeconomica
di maio_conte_salvini_tria_imagoeconomica

Leggi anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»