Ore decisive per la manovra e il decreto fiscale; Caso Lodi, Fico contro la sindaca

edizione del 15 ottobre 2018
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ORE DECISIVE PER LA MANOVRA E IL DECRETO FISCALE

Si tratta fino all’ultimo sui provvedimenti che delineano la prima manovra del governo di Giuseppe Conte. Le riunioni di maggioranza si susseguono a palazzo Chigi, con il ministro dell’Economia Giovanni Tria e i vice Di Maio e Salvini. Tra le misure in via di approvazione la pace fiscale per chi ha debiti molto alti con il fisco, la terza rottamazione delle cartelle, lo sconto sulle liti pendenti e l’annullamento delle cartelle esattoriali fino a mille euro dal 2000 al 2010.

ACCORDO TRA GOVERNO E REGIONI SUGLI INVESTIMENTI

Piu’ investimenti e fondi per la spesa sociale. Governo e Regioni chiudono un accordo in vista della manovra che garantisce investimenti per 4,2 miliardi in 5 anni. “Con le regioni abbiamo fatto un ottimo lavoro”, annuncia il viceministro dell’economia Massimo Garavaglia, spiegando che l’intesa garantisce i trasferimenti per la non autosufficienza e le politiche sociali.
Per il presidente della conferenza delle regioni Stefano Bonaccini l’accordo da’ “un po’ di ossigeno ai governatori”.

ITALIA E ROMANIA: MIGRAZIONE E’ TEMA EUROPEO

Relazioni eccellenti tra Italia e Romania, testimonianza di un legame profondo tra i due paesi. E’ il bilancio della visita di stato a Roma del presidente rumeno Klaus Iohannis, ospite prima del presidente Sergio Mattarella al Quirinale, poi del premier Giuseppe Conte. Al centro dei colloqui anche il tema del migranti. “Romania e Italia sono Paesi di primo arrivo consapevoli che il fenomeno sia da affrontare in Europa in maniera comune”, ha sottolineato Mattarella.

LODI, FICO CONTRO LA SINDACA. E IL GOVERNO FRENA

“Chiedere scusa ai bambini e riammetterli a mensa”. Roberto Fico si schiera contro il comune di Lodi che vuole limitare la partecipazione dei bambini stranieri alla mensa scolastica. Anche il governo sembra cambiar rotta. “Se i genitori non possono portare i documenti- dice oggi Matteo Salvini- varra’ la buona fede”. “I bambini non si toccano”, aggiunge Di Maio. Ma la sindaca di Lodi resiste: “Il regolamento resta in vigore”. Intanto il coordinamento Uguali doveri, informa il Sir, ha raccolto oltre 60mila euro per permettere ai bambini di mangiare a scuola.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»