Sanità, Rossi: “Sulla morte di Pino Daniele Asl di Grosseto corretta, non ci fu ritardo nei soccorsi”

Il reato ipotizzato era omicidio colposo, ma le indagini hanno accertato che dietro la morte di Daniele non ci sono responsabilità e che il trasferimento e l'eventuale ricovero all'ospedale di Orbetello, località più vicina alla residenza toscana dell'artista, non sarebbe stato risolutivo del problema cardiaco che ne ha provocato la morte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

pino danieleFIRENZE – “Resta il dolore per la morte di un grande artista che aveva scelto di vivere in Toscana, ma conforta sapere che la nostra sanità si è mossa in modo corretto e che non c’è stato nessun ritardo nei soccorsi. L’ambulanza inviata dal 118 fu rimandata indietro per scelta della famiglia. La conclusione dell’indagine della procura di Roma sulla morte di Pino Daniele esclude ogni responsabilità da parte della Asl di Grosseto”. Questo il commento del presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi in seguito alla richiesta di archiviazione dell’inchiesta sulla morte del cantante napoletano da parte della procura di Roma.

Il reato ipotizzato era omicidio colposo, ma le indagini hanno accertato che dietro la morte di Daniele non ci sono responsabilità e che il trasferimento e l’eventuale ricovero all’ospedale di Orbetello, località più vicina alla residenza toscana dell’artista, non sarebbe stato risolutivo del problema cardiaco che ne ha provocato la morte.

di Carlandrea Adam Poli – giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»