Sanità, asse Toscana-Emilia Romagna: “Bimbi a scuola solo se vaccinati”

Lo ha detto l'assessore regionale con delega al Diritto alla Salute, Stefania Saccardi, rispondendo ai cronisti che le chiedevano un parere sulla proposta dell'assessore alla sanità dell'Emilia-Romagna Sergio Venturi- ripresa dal ministro Lorenzin- di vincolare la frequenza scolastica all'assolvimento degli obblighi vaccinali.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

vacciniFIRENZE – “Sono assolutamente d’accordo sulla proposta che sia obbligatorio per chi frequenta le scuole vaccinarsi soprattutto per certe problematiche. In questo Paese, se non parliamo più di alcune malattie è stato proprio grazie a delle campagne vaccinali molto intense e molto diffuse”. Lo ha detto l’assessore regionale con delega al Diritto alla Salute, Stefania Saccardi, rispondendo ai cronisti che le chiedevano un parere sulla proposta dell’assessore alla sanità dell’Emilia-Romagna Sergio Venturi- ripresa dal ministro Lorenzin- di vincolare la frequenza scolastica all’assolvimento degli obblighi vaccinali.

“Credo che sia un dovere per tutti- ha aggiunto-, per i genitori prima di tutto, vaccinare i propri figli, soprattutto in un paese che offre questa possibilità in modo molto diffuso grazie al nostro sistema sanitario”. D’altronde, ha proseguito, “non vaccinarsi credo che sia un pericolo anche per gli altri bambini, per alcuni che non possono accedervi, penso ad esempio ai bambini immunodepressi che non possono fare il vaccino e che corrono il rischio di essere infettati da chi può farlo e non lo ha fatto”.

Leggi qui la posizione del M5s contro la linea dura delle Regioni

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»