Ancora vittime per il maltempo, Galletti: “E’ colpa dell’uomo che accelera l’arrivo degli eventi estremi” e ribadisce: “Mai più condoni”

Così il Ministro dell’Ambiente in merito all’alluvione che ha colpito ieri il centro Italia, in particolare l’aquilano e il frusinate
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

G. Galletti“La natura sta facendo la natura in maniera molto pesante, dovuta chiaramente anche all’azione dell’uomo. Almeno l’azione dell’uomo ha accelerato questi processi, se addirittura non ne è la causa”. Così a Sky TG24 Mattina, il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, in merito all’alluvione che ha colpito ieri il centro Italia, in particolare l’aquilano e il frusinate.

“Noi- ha proseguito- oggi registriamo degli eventi estremi, come quello che purtroppo si è registrato ieri, ahimè, anche con delle vittime che purtroppo dobbiamo ancora contare. Non c’è dubbio che anche gli scienziati incominciano a collegare questi eventi ai famosi cambiamenti climatici, cioè all’azione dell’uomo”.

Il lavoro di prevenzione non basta a rendere il Paese sicuro, se non c’è una cultura diffusa di rispetto del territorio. Se io costruisco troppo o costruisco in zone sbagliate, quelle case non le salva nessuno. Per questo io dico con molta determinazione mai più condoni edilizi in questo Stato”.

“Nel Collegato ambientale- ha proseguito-, che spero di approvare entro fine anno, c’è un fondo per i Comuni di 11 milioni di euro per l’abbattimento delle case abusive, perché nessuno mi venga più a dire che non ci sono i fondi. Se quel fondo sparirà in cinque giorni, ci metterò altri fondi a costo di tirarli fuori dal mio ministero, perché è una priorità”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»