NEWS:

A Roma lezioni gratuite con lo Storia Festival e i suoi ‘top player’

Nove storici raccontano i segreti della Capitale in una maratona di tre giorni

Pubblicato:15-09-2022 17:02
Ultimo aggiornamento:15-09-2022 17:02

FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – Una maratona di tre giorni per raccontare radici, conflitti e bellezze della Capitale. È questo, in breve, ‘Roma Storia Festival – Anteprima’, l’evento in programma il 30 settembre, l’1 e il 2 ottobre nella piazza di Pietra al Tempio di Vibia Sabina e Adriano.

Una location d’eccezione che rivive con 9 ‘top player’ che gli storici lo fanno di mestiere e che hanno accettato la ‘chiamata’ della Camera di Commercio di Roma ed Editori Laterza alla scoperta degli aspetti anche meno conosciuti di Roma. Da Alessandro Barbero ad Andrea Carandini, passando per Alessandra Tarquini e Amedeo Feniello. Poi ancora Francesca Cenerini, Eva Cantarella, Luciano Canfora, Andrea Riccardi e Andrea Giardina. Questi i nomi in squadra che accompagneranno il pubblico in un viaggio nel tempo nei segreti dell’Urbe.

IL TEMA DEL FESTIVAL

Tema conduttore ‘Il mondo a Roma’ perché la città è fa sempre culla delle culture più disparate. “Per sottolineare la straordinarietà di questa città- spiega Giuseppe Laterza che ha progettato l’evento- non c’è bisogno di gonfiarsi il petto. Basta dire cosa è successo in questa città. Roma è stata un palcoscenico, un luogo dove si sono definite, trasformate e decise una tale quantità di cose in tanti livelli – della cultura, della politica, sociale – che saranno spiegati in una sequenza cronologica perché abbiamo deciso che questo non è un manuale di storia, è una storia personale”.


IMPARARE DAL PASSATO. TAGLIAVANTI: “LA STORIA È UNA COSA VIVA”

Tra alti e bassi, “nella sua storia Roma è nata è morta tante volte ma ha sempre trovato la forza di rinascere”, dice il presidente della Camera di Commercio di Roma Lorenzo Tagliavanti. La Capitale, continua, “ha vissuto tutti quei passaggi difficili che l’umanità può affrontare. Cambiamenti climatici, guerre vinte e perse, pandemie. Roma ha vissuto tutte queste sfide e la domanda è ‘Come le ha risolte?’. La storia- aggiunge- è una cosa viva, guardandola possiamo trovare analogie“.

Affrontare il presente guardando al passato e costruire un futuro più roseo. La Camera di Commercio accoglie la sfida di riportare Roma al vecchio splendore. “Ogni città- spiega ancora Tagliavanti- deve trovare una propria posizione nel mondo, cosa può dire Roma? Può essere una delle centrali della cultura, a cui non soltanto i romani o gli italiani guardano. Vogliamo creare un dialogo con queste persone e con questo festival stiamo parlando al mondo. Perché il mondo ha sempre guardato alla storia di Roma”. E promette che “questo è soltanto il numero zero”.

Una volontà ribadita anche dall’Assessore alla Cultura di Roma e Professore di Storia Moderna Miguel Gotor, il quale si auspica si possa continuare nella direzione di queste speciali lezioni.

COME PARTECIPARE

Alla tre giorni, in scena ogni giorno dalle 18 alle 21.30 circa, si può partecipare gratuitamente. Basta prenotarsi al sito eventbrite.it, lo si può raggiungere anche da www.romastoriafestival.it. Qui è presente il programma completo. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy