Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione del 15 settembre 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

DA METÀ OTTOBRE GREEN PASS PER STATALI E PRIVATI

Green pass obbligatorio per tutti i lavoratori. Il governo ha deciso: da metà ottobre il passaporto vaccinale sarà richiesto per la pubblica amministrazione e anche per l’intero settore privato. L’obiettivo è allargare al massimo l’uso del green pass. Per questo l’esecutivo ha raggiunto un accordo con le regioni e sta mettendo a punto il decreto che dovrebbe essere approvato domani in Consiglio dei ministri. Da parte loro i governatori chiedono di non chiudere i locali pubblici nemmeno con le regioni in fascia gialla o arancione. Resta contrario Matteo Salvini: “Non si può pensare di estendere l’obbligo del green pass a 60 milioni di italiani”, dice. “E’ lo strumento migliore per evitare le chiusure”, ribatte il ministro del Lavoro Andrea Orlando.

BEBE VIO ALL’EUROPARLAMENTO, STANDING OVATION

Standing ovation per Bebe Vio all’Europarlamento: “Emblema di rinascita per la nuova Europa”. E’ l’omaggio che le hanno rivolto le istituzioni europee.
La campionessa paraolimpica, medaglia d’oro nel fioretto individuale, è apparsa stamattina a sorpresa nell’aula del Parlamento europeo a Strasburgo, ospite della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, in occasione del discorso sullo stato dell’Unione. “Ero imbarazzata, ma è stato bellissimo”, ha raccontato a margine Bebe Vio. “Sono fiera di poter rappresentare il mondo italiano, dello sport, dei giovani e della disabilità”, ha aggiunto. Secondo la presidente Von der Leyen, Bebe Vio è “una leader” da cui trarre ispirazione per la sua determinazione.

UE, MATTARELLA: CAMBI O CROLLA TUTTO

L’Italia ospita il sedicesimo summit dei Capi di Stato del “Gruppo Arraiolos”. Nel giorno in cui Ursula von der Leyen fa il punto sullo Stato dell’Unione chiedendo di accelerare sulla difesa comune europea, al Quirinale si riunisce il gruppo ‘Uniti per l’Europa’ che dal 2003 organizza forum politici sui principali temi dell’attualità dell’Unione. Nella prima sessione dei lavori il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ,ha esortato i Paesi membri a creare una prospettiva strategica per la sicurezza” con una “politica estera e di difesa sempre piu’ integrate”. Tra le “questioni strategiche” anche “l’unione economica e fiscale”. Il Covid, sottolinea il capo dello Stato, “ha mostrato la vulnerabilità dell’Europa”. Ora “deve cambiare o rischia di crollare tutto”. “Una Europa più credibile – conclude Mattarella- è meglio anche per gli Stati Uniti”, alla luce della nuove sfide dopo l’exit strategy dall’Afghanistan.

AMAZON FIRMA INTESA CON SINDACATI, E’ LA PRIMA IN UE

Il valore delle relazioni industriali e il rispetto delle norme del contratto nazionale della logistica sono al centro del protocollo firmato oggi da Amazon e dai sindacati di categoria. La Filt Cgil rivendica che quello siglato al ministero del Lavoro è il primo protocollo sottoscritto da Amazon con le organizzazioni sindacali “in Italia e in Europa” e permetterà di garantire i diritti dei lavoratori all’interno del colosso dall’e-commerce. Il ministro Andrea Orlando parla di “un’intesa importante per un settore strategico” ed esprime l’auspicio che questo accordo possa “migliorare la situazione nell’ambito della logistica, segnato da una forte conflittualità e da episodi gravi che hanno contrassegnato i mesi scorsi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»