Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Napoli, al liceo Pansini studenti decisi: “Noi mai più in Dad”

liceo pansini napoli
Il primo giorno tra i banchi carico di promesse e aspettative
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Il primo giorno di scuola in Campania, a Napoli, sembra quasi una domenica di festa: strade deserte e tranquillità nell’aria. D’altronde, gli ingressi scaglionati predisposti per il rientro scolastico sono stati pensati proprio per evitare caos o inconvenienti.

La campanella di inizio, al liceo ‘Pansini’ di Napoli, è alle 7:50, e la prima studentessa a giungere in cortile in succursale è Francesca. Quali sono le emozioni del primo giorno? “Sono varie– risponde la ragazza- Sono contenta di iniziare e rivedere i miei compagni, siamo una classe affiatata. La Dad non ci ha divisi. Un’affermazione che viene subito confermata dai saluti calorosi scambiati con i compagni. Un’emozione concitata, quella del primo giorno, che è anche speranza: in cameretta non ci vogliamo stare più afferma Sara quest’anno sembra diverso. Speriamo che duri“.

Matteo e Sergio sono al loro ultimo primo giorno di scuola e per l’anno che comincia si fanno un solo augurio: “che finisca bene” affermano, ridendo. “Proprio ieri pensavo a quando ero alle medie– aggiunge Sergio- siamo cresciuti molto da allora. Ho provato un po’ di nostalgia”. Sul rientro in presenza, i due si trovano d’accordo nell’affermare che “è diverso cominciare guardandosi in faccia”. Allo stesso tempo però non hanno un bruttissimo ricordo della Dad, almeno per quanto riguarda il rapporto con i compagni: “in alcuni casi, penso che la didattica a distanza ci abbia addirittura avvicinati gli uni agli altri” spiega Matteo.

La campanella sta per suonare, ma due ragazzi si trattengono in fondo, scambiano qualche risata. Uno di loro si avvicina al microfono e esclama: io spero due cose per quest’anno: noi mai più in Dad. E per me, un bel 75 all’esame, così posso fare il concorso. Ciao”. Varcano poi la soglia di ingresso: inizia per loro, e per tutti a Napoli e in Campania, un nuovo anno scolastico, carico di promesse e aspettative.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»