Omosessualita? “É contro natura” per il consigliere di FdI a Potenza. Poi le scuse: “Mi sono espresso male”

Ieri il Consiglio comunale di Potenza ha approvato la mozione di Fratelli d'Italia contro il ddl Zan sull'omofobia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

POTENZA –  In una nota stampa, le associazioni lucane di Libera, Anpi, Uds, Insieme onlus, Arcigay, Arci, Cnca lucano, Agedo Potenza e Telefono donna condannano le parole, “sconsiderate e gravissime”, del capogruppo in consiglio comunale di Potenza, Michele Napoli (FdI), che ha sostenuto che “l’omosessualita’ e’ contro natura”, nonche’ l’approvazione della mozione in contrasto con il ddl Zan in discussione in Parlamento. “Questi atti discriminatori – affermano – violano la dignita’ umana, ledono il principio di eguaglianza e comprimono la liberta’ e gli affetti delle persone”. Per le associazioni la denuncia e il contrasto a queste forme di violenza, soprattutto in questo momento storico, devono costituire un impegno fermo e costante per le istituzioni e per la societa’ tutta. Le associazioni sottolineano infine il proprio impegno “a rimuovere ogni forma di discriminazione”.

NAPOLI (FDI): “MI SCUSO, HO ESPRESSO MALE CONCETTI”

“Mi scuso per aver espresso male alcuni concetti e mi dispiace se le mie parole hanno offeso qualcuno. L‘obiettivo del mio intervento era ribadire la centralita’ del ruolo della famiglia naturale nella nostra societa‘ e il dovere delle istituzioni di difenderla”. Cosi’ in un post su Facebook il consigliere comunale di Potenza, Michele Napoli (FdI), al centro di polemiche per aver dichiarato che “l’omosessualita’ e’ contro natura”. “Ieri – continua – il Consiglio comunale di Potenza ha approvato la mozione di Fratelli d’Italia contro il ddl Zan sull’omofobia. Durante la discussione del provvedimento, sono intervenuto in aula per illustrare la posizione del gruppo e per ribadire quali fossero le ragioni che ci avevano portato a presentare questa proposta. Nel corso del mio intervento, pero’ – spiega – ho usato delle espressioni assolutamente infelici e mi dispiace molto per questo”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»