Grillo a tutto campo: “Telelavoro funziona, reddito sia universale senza il ricatto del lavoro”

Beppe Grillo parla delle proposte del M5s: "Abbiamo la possibilità di fare uno scatto meraviglioso"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “La sinistra ha poche idee, la destra non le ha, noi ne abbiamo qualcuna: mettiamo insieme le energie“. Beppe Grillo, co-fondatore M5S, lo dice in un collegamento audio-video con la sala Nassirya del Senato, in occasione della presentazione delle misure di sostegno alle comunita’ di autoproduzione e autoconsumo di energia.

“Al governo avete fato un miracolo”, dice Grillo agli esponenti M5S in sala che afferma di amare “come figli, siete i miei figli”, pero’ “qui non e’ un problema di destra o sinistra” ma di “capire che fare”.

GRILLO: TELELAVORO FUNZIONA E RISPARMIA TRAFFICO

“Dovremo abituarci a una citta’ con il Covid. Una citta piu flessibile”, ma il CoVid-19 “ha dimostrato che il telelavoro funziona, e’ straordinario. Funziona e fa risparmiare energia, traffico“.

GRILLO: REDDITO UNIVERSALE SENZA RICATTO LAVORO, MA PARLAMENTO PENSA A NOMINE

Serve il reddito universale senza ricatti, senza il ricatto del lavoro, senza corsi, ma che ti do perche’ sei vivo e sei una persona, perche’ hai qualcosa di buono e ti aiuto a tirarlo fuori”. In questa fase “possiamo davvero imporre adesso” delle riforme, dice Grillo, parlando di “un momento straordinario, anche nell’incazzatura e nell’odio, per fare cose straordinarie”, e “invece in Parlamento si parla solo di nomine, e io queste cose non le concepisco”, perche’ “abbiamo la possibilita di fare uno scatto meraviglioso su energia, comunicazione e flussi migratori”.

GRILLO: NUOVI LAVORI E NUOVI TEMI, MA SINDACATI RIMASTI AL 900

“Ci sono milioni di nuovi lavori che stanno arrivando, e i sindacati fanno i sindacati”, e in tutto cio’ “non possiamo andare avanti con 5 o 6 sindacati, ognuno di settore che dice questo o quello. I sindacati sono rimasti al 900- ribadisce Grillooggi avremmo bisogno di sindacati digitali che controllano il flusso dei dati degli italiani che vanno in America“.

GRILLO: GRANDI AZIENDE E P.A. GESTISCANO DATI ITALIANI, NON INVIIO IN USA

“I sindacati sono rimasti al 900, oggi avremmo bisogno di sindacati digitali che controllano il flusso dei dati degli italiani che vanno in America”. Da questo punto di vista “i dati Eni rimangono in Eni, cosa che non fa Enel che i suoi dati li fa gestire a un’azienda americana”, mentre “la Pubblica amministrazione da i dati da gestire a Google“.

“Ci tengo a questa battaglia- dice Grillola vera grande riforma sara’ quando avremo un iCloud dati italiani e poi un grande server europeo“. I giganti del web, gli ‘over the top’ che gestiscono titanici flussi di dati relativi alla vita di ognuno di noi ed emessi dai nostri device digitali, “questi colonizzano e succhiano tutta la linfa vitale, che oggi sono i dati, venduti alla velocita’ della luce ogni giorno e la gente non lo sa”, sottolinea Grillo. E ancora, “la robotizazione dei vecchi sono la gestione del vecchio o la cura del vecchio? È una linea sottile”.

GRILLO: STATO FACCIA STATO, SE ENTRA IN COMPAGNIA AEREA NE CAMBI PIANO

“Lo stato deve fare lo stato” e quindi “quando finanzia una compagnia aerea deve dire ‘io ti finanzio se cambi il piano industriale’“. Ad esempio, per quel che riguarda “gli 8 miliardi che sono stati dati in Germania” per il salvataggio di Lufthansa, questo “e’ stato fatto sotto questo principio, come la richiesta di un progetto di un carburante alternativo, che e’ allo studio e non emette CO2”. Insomma, ribadisce Grillo, “se entro come stato io ti dico di cambiare e andare su questa linea”, ad esempio “se do sostegno ai pescherecci per il costo del gasolio ti dico io cosa fare, se usare i vortici al posto delle reti a strascico, se fai il peschereccio a vela e non a gasolio”. Insomma, dice Grillo riferendosi a M5S al governo e all’iniziativa presentata oggi sulle comunita’ energetiche, “se abbiamo una visione non si puo’ limitare ai condomini“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»