Mafia, fari sulla faida di Favara e Liegi: sette arresti tra Sicilia e Belgio

L'operazione di questa notte, denominata 'Mosaico', è stata condotta dalla Polizia di Stato e dalla Polica Judiciare federale belga
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – Sette persone sono state arrestate nella notte dalla Polizia di Stato e dalla Polica Judiciare federale belga perche’ ritenuti responsabili, a vario titolo, di duplice tentato omicidio nei confronti di Maurizio Distefano e Carmelo Nicotra, porto abusivo di armi, danneggiamento e ricettazione: tutti reati che sarebbero stati consumati il 23 maggio 2017 a Favara, in provincia di Agrigento.

Le indagini hanno fatto luce sull’intera faida che dal 2015 al 2018 ha insanguinato le strade di Favara e della citta’ belga di Liegi, contando infine cinque omicidi e altrettanti tentati omicidi, alcuni dei quali mai denunciati. L’inchiesta, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo e dalla procura di Liegi, e’ stata portata avanti con l’ausilio delle agenzie Eurojust ed Europol. Per l’Italia le indagini sono state svolte dal Servizio centrale operativo e dalle squadre mobile di Agrigento e Palermo. Per il Belgio, invece, hanno indagato la Polica Judiciare federale di Liegi.

L’operazione di questa notte, denominata ‘Mosaico‘, ha permesso la cattura in Belgio di tre persone, in esecuzione di altrettanti mandati di arresto europei, grazie alla collaborazione delle procure di Liegi, Bilzen e La Louviere. Gli altri quattro indagati sono stati catturati a Favara. Eseguite anche una ventina di perquisizioni, con l’impiego di oltre 80 tra poliziotti italiani e belgi, personale del reparto prevenzione crimine e del Reparto Volo di Palermo, e di unita’ cinofile di Catania e Palermo. Nel corso dell’operazione sono state sequestrate una pistola in Belgio, a Nicotra, e tre in Italia, a Michelangelo Bellavia.

 

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»