Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Ambiente, edizione del 15 settembre 2020

E' online l'edizione settimanale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://www.youtube.com/watch?v=FTOqqqykQLQ

FUSIONE NUCLEARE, OK PRIMI APPALTI PER DTT FRASCATI

Prende forma il Centro italiano per la fusione nucleare. Entra nella fase operativa la realizzazione presso il Centro di ricerche ENEA di Frascati del DTT – Divertor Tokamak Test, macchina che dovrà sperimentare soluzioni avanzate per l’energia da fusione. Dopo il consolidamento del progetto in tutte le sue parti e, per realizzare l’opera, la creazione della società cooperativa DTT – composta da ENEA, ENI e Consorzio CREATE – sono stati assegnati i primi appalti. Il progetto del valore di circa 600 milioni di euro sarà realizzato grazie al contributo finanziario dei ministeri dello Sviluppo economico e dell’Università e ricerca, della Regione Lazio, di ENEA e degli altri partner del consorzio, oltre al prestito da 250 milioni di euro dalla Banca Europea degli Investimenti nell’ambito dei fondi EFSI (il cosiddetto Piano Juncker).

RECOVERY FUND, ANBI: ECCO 729 PROGETTI PER 4,3 MLD

Un piano dalla valore di oltre 4 miliardi in progetti pronti e cantierabili per la manutenzione del territorio, ai quali manca solo il finanziamento, progetti pronti a partire se non domani dopodomani visto che hanno espletato il loro iter procedurale. Progetti relativi al reticolo idrografico, alle reti irrigue, alla tenuta idrogeologica del territorio e allo sviluppo del settore agricolo e alla risposta ai mutamenti climatici in atto. Li presenta ANBI, l’Associazione nazionale consorzi gestione e tutela del territorio e acque irrigue. Un patrimonio progettuale che risulta ancor più prezioso ora, con l’Italia che deve indicare i progetti che intende realizzare nell’ambito del Recovery fund. Si tratta di 729 progetti per un investimento di 4 miliardi e 339 milioni di euro e oltre 21mila unità lavorative da impiegare.

SOGIN 2020-2025, DECOMMISSIONING AVANTI DI 900 MLN

Un avanzamento nel decommissioning delle centrali nucleari italiane per oltre 900 milioni, con un picco di attività nel biennio 2022-2023 dovuto, fra l’altro, all’avvio degli smantellamenti dei reattori delle centrali di Trino e Garigliano e alla realizzazione del Complesso Cemex a Saluggia. Lo prevede il Piano industriale 2020-2025 del Gruppo Sogin, la società pubblica incaricata dello smantellamento delle centrali nucleari italiane e della gestione dei rifiuti radioattivi. Il piano consentirà il raggiungimento degli obiettivi previsti dal nuovo Piano a Vita Intera, determinando una crescita del valore medio annuo delle attività dai 62 milioni registrati nel periodo 2013-2019 ai 151 milioni di euro nell’arco di Piano, facendo segnare un +144%).

A TORINO IMPIANTO V2G RECORD DA FCA, ENGIE E TERNA

Nel comprensorio FCA di Mirafiori, a Torino, Fca, Engie Eps e Terna hanno presentato il progetto pilota Vehicle-to-Grid (V2G) di mobilità elettrica che una volta completato sarà il più grande al mondo. Con questa tecnologia l’auto elettrica, mentre è ferma in garage, a richiesta fornisce elettricità alla rete per contribuire al suo bilanciamento, che resta compito di Terna, anziché sottrarne quando è in carica. Un servizio che rende il veicolo elettrico una sorta di batteria su ruote e viene remunerato all’utente. Si comincia con 32 colonnine V2G in grado di connettere 64 veicoli, con l’obiettivo di sperimentare la tecnologia e la logistica del parcheggio, coperto da una pensilina composta da 12mila pannelli fotovoltaici. Entro la fine del 2021 l’impianto sarà esteso per consentire l’interconnessione fino a 700 veicoli elettrici.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»