Franceschini apre al M5S: “Se il governo funziona possibile alleanza elettorale”

Poi, da Cortona, l'appello a Matteo Renzi: "Non indeboliamoci spaccando il partito di fronte a questa destra pericolosa"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CORTONA – “Se il governo da governo ‘contro’ diventera’ governo ‘per’ allora potremo ragionare di farlo diventare in tempi non troppo lunghi un’alleanza elettorale. Dipende dalla legge elettorale. Magari con il doppio turno. Al primo turno si va separati e al secondo ci si allea. Perche’ no?”. Cosi’ Dario Franceschini nel suo intervento a Cortona, alla convention di Areadem.

A RENZI: NON FARLO, NON DIVIDERE IL POPOLO DEL CENTROSINISTRA

“L’unita’ e’ una condizione indispensabile. Ed e’ possibile perche’ la scelta di far nascere questo governo l’abbiamo condivisa. Si e’ costruita con un voto unanime e condiviso. Per questo non voglio credere alla scissione o alla cosa ridicola della separazione consensuale che sta oggi sui giornali. Ma rompere una storia comune e’ sempre una cosa traumatica. Come si fa a pensare che non lo sarebbe anche questa volta?”, dice Dario Franceschini. 

“Ci e’ gia capitata la ferita di vedere un segretario uscire dal partito, io non ne voglio vedere un altro uscire. E poi su che cosa? Quali sono le ragioni. Voglio dire a Renzi: non farlo. Il Pd e’ la casa di tutti. E’ casa tua e casa nostra. Il popolo dela Leopolda e’ una parte del grande popolo del Pd, non e’ un’altra cosa. Non separiamo questi popoli. Non indeboliamoci spaccando il partito di fronte a questa destra pericolosa”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»